Lavoce.info

Mille euro a ogni dipendente: basta il recupero dell’evasione?

Il Partito democratico propone di usare i fondi ricavati dalla lotta all’evasione prevista dal Pnrr per aumentare gli stipendi netti dei lavoratori dipendenti di mille euro all’anno, tagliando i contributi Inps. Le coperture indicate sono sufficienti?

Pnrr e lotta all’evasione

Una delle proposte principali del Partito democratico, spesso rilanciata dai suoi esponenti sui social, è la cosiddetta “mensilità aggiuntiva”. Il programma rilasciato per le elezioni del 25 settembre specifica che la proposta è di introdurre progressivamente una franchigia pari a mille euro sui contributi Inps dei lavoratori dipendenti e assimilati, mantenendo invariato il computo ai fini pensionistici. Sono specificate anche le coperture per mantenere la promessa: sarà finanziata con il recupero dell’evasione fiscale previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Ma le risorse ipotizzate sono sufficienti a coprire la spesa?

Procedendo a ritroso, a quanto ammonterebbero le risorse sbloccate dal Pnrr con la lotta all’evasione fiscale? L’obiettivo prefissato è una riduzione del tax gap di tutte le imposte, escluse Imu e accise, del 5 per cento entro il 2023 e del 15 per cento entro il 2024 rispetto al livello del 2019, stimato a circa 80 miliardi: si cerca quindi di recuperare circa 12 miliardi di euro entro i prossimi due anni.

Naturalmente, per farlo bisogna riuscire a centrare l’obbiettivo del Pnrr, un traguardo che Alessandro Santoro, presidente della Commissione per la redazione della Relazione sull’economia non osservata e l’evasione fiscale e contributiva, ha definito “molto ambizioso”. La riduzione necessaria sarebbe infatti di poco inferiore a quella ottenuta nel quinquennio 2014-2019 (-2,7 per cento rispetto al -4,1 per cento del lustro precedente), periodo che ha visto l’introduzione di diverse nuove pratiche quali split payment e fatturazione elettronica che hanno reso più difficile evadere l’Iva. Ora, sostiene Santoro, sarà necessario procedere con un iter più minuzioso, integrando diverse banche dati e sfruttando moderne tecniche di analisi dei big data per individuare possibili casi di evasione, ma per fare ciò serve una legge specifica. La legge delega per la revisione fiscale si proponeva di ammodernare la lotta all’evasione, ma con la caduta del governo Draghi il processo è stato interrotto. Se anche la discussione dovesse ripartire passerebbero probabilmente mesi, considerato i tempi di formazione del governo e il fatto che, prima di tutto, il nuovo esecutivo dovrà affrontare la legge di bilancio. Difficile quindi ottenere i risultati previsti nelle tempistiche indicate.

Leggi anche:  La Nadef libera risorse: come utilizzarle bene

Bastano 12 miliardi?

Appurato che le risorse disponibili sarebbero al massimo 12 miliardi, una cifra importante ma non mastodontica, quanto costerebbe la mensilità in più? A pieno regime servirebbero mille euro all’anno per ogni lavoratore dipendente. Al 2020 i contribuenti Inps dipendenti sono 17,5 milioni; il che si tradurrebbe in un esborso per lo stato di oltre 17 miliardi all’anno per mantenere la promessa della mensilità in più. Se anche l’obbiettivo del Pnrr fosse raggiunto, a regime la proposta lascerebbe un buco da oltre 5 miliardi da riempire, a meno che il termine “progressivamente” vada interpretato come un “via via che i fondi della lotta all’evasione si rendono disponibili”. In questo caso, l’importo della decontribuzione sarebbe limitato a quanto effettivamente si riuscirà a recuperare. Molto difficilmente, quindi, si arriverà ad avere fondi sufficienti per garantire mille euro a tutti: nel migliore dei casi la decontribuzione annuale sarebbe di circa 690 euro.

Così come indicata nel programma Pd, la proposta di dare una mensilità in più ai lavoratori dipendenti pagandola interamente con i proventi della lotta all’evasione fiscale prevista dal Pnrr risulta quindi di difficile realizzazione. A meno che le riforme del Piano nazionale riescano a raggiungere risultati ben oltre le più rosee aspettative – una riduzione del tax gap del 22 per cento – sarà impossibile mantenerla a pieno senza utilizzare altri fondi o senza ridurre l’importo della decontribuzione o la platea di destinatari, magari limitandola solo ai redditi più bassi, come già avvenuto per i bonus Irpef di 80 e 100 euro.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Al via la delega per la riforma fiscale

Precedente

I programmi dei partiti su scuola e università

Successivo

Mobilità ignorata dalla campagna elettorale

  1. Savino

    Con gli obiettivi del PNRR non si scherza. Non si tratta di fare il compitino e con la bella figura poi ricevere la rata dei fondi. O si combatte davvero l’evasione o l’obiettivo non si raggiunge. La furbata che i politici che piacciono agli italiani (Meloni) vogliono fare è ridimensionare il PNRR disimpegnando l’Italia anche nella lotta all’evasione, ma, va detto per inciso, ciò sarebbe la fine.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén