Lavoce.info

Lotta all’evasione? Insufficiente, come in passato

Sul contrasto all’evasione fiscale, il “governo del cambiamento” ha scelto una linea di continuità con le politiche precedenti. In alcuni casi è una decisione positiva, ma in altri no. Perché così non si affrontano i nodi che oggi limitano l’efficienza dell’amministrazione.

Nessun cambiamento dal governo gialloverde

Se si guarda a quanto il contratto di governo proponeva un anno fa in tema di evasione fiscale, si ha la netta impressione che in buona parte non sia stato (ancora?) realizzato e che, invece del cambiamento, sia stata scelta una linea di continuità con le politiche precedenti.

Lo spesometro non è stato abolito, ma sostituito con la fatturazione elettronica, innovazione in sé positiva sebbene non priva di problematiche applicative, e la cui entrata in vigore era già stata prevista dai governi precedenti. Neppure lo split payment, introdotto con la legge di stabilità per il 2015, è stato cancellato come annunciato. E anche in questo caso è decisamente meglio così. I proclami di “inversione dell’onere della prova” hanno portato a una modesta revisione del redditometro, mentre sugli studi di settore si è andati avanti esattamente come previsto già dal 2017, ovvero con l’introduzione degli Isa – indici sintetici di affidabilità.

La linea della continuità dovrebbe proseguire con la prossima introduzione della trasmissione elettronica dei corrispettivi (anche questa già prevista da tempo) ed è tutto sommato positiva, considerando quanto forte fosse la tentazione di giocare la partita del cambiamento su questi temi, strizzando l’occhio al sempre nutrito partito degli evasori.

I nodi che restano

Tuttavia, la continuità si è manifestata anche in direzioni molto meno positive. Il governo ha varato un condono assai ampio, ma troppo vicino ai precedenti e quindi con un effetto di gettito paradossalmente modesto. È stato finora confermato il congelamento dell’aumento delle aliquote dell’Iva previsto dalle clausole di salvaguardia, ma vi sono tentazioni di segno contrario che si basano, presumibilmente, su calcoli sbagliati proprio perché ignorano l’aumento dell’evasione che ne conseguirebbe. Infatti, se è vero che non esiste una relazione generalizzata tra aliquota ed evasione e quindi l’introduzione della flat tax non garantisce di recuperare base imponibile non dichiarata, è anche vero che, negli scorsi anni, per l’Italia si è osservato un incremento dell’evasione dell’Iva quando l’aliquota ordinaria è stata aumentata.

Leggi anche:  Taglio dell’Iva, gli errori da evitare

Ma soprattutto, anche qui in perfetta continuità con i precedenti, il governo non ha affrontato i nodi strutturali che oggi limitano l’efficienza dell’amministrazione finanziaria e non si è occupato del tema sempre più impellente del contrasto tra le esigenze di utilizzo massiccio dei dati e gli ostacoli posti dal Garante della privacy. È evidente che si tratta di un tema spinoso e molto impopolare, perché le accuse di voler instaurare il Grande Fratello fiscale sono sempre pronte. Ma la vicenda dell’anagrafe dei rapporti finanziari è molto istruttiva al riguardo: ampliata con i dati sulle movimentazioni con il decreto legge 201/2011 (il cosiddetto “salva Italia” del governo Monti), doveva rappresentare la svolta decisiva, ma è rimasta inutilizzata fino al 2017 a causa principalmente degli ostacoli frapposti proprio dall’interpretazione della normativa sulla privacy. Ora, otto anni dopo, siamo ancora alle sperimentazioni su dati di quattro-cinque anni fa.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Prima gli italiani: una politica sopra le righe

Successivo

Un anno di governo Lega-5stelle

  1. Mario Morino

    Non ritiene che l’eliminazione della carta moneta (ovvero l’obbligo per tutti i cittadini di età superiore ai 14 anni di avere un conto corrente, la cui gestione potrebbe essere pagata dallo Stato laddove i movimenti risultino inferiori ai 30.000 euro/anno e l’utilizzo di una carta “elettronica” per tutti i pagamenti) potrebbe comportare una drastica riduzione non solo dell’evasione fiscale ma anche della criminalità economica?. Cordiali saluti.

  2. Piero Bonacorsi

    Mi pare che i continui tentativi di recupero dell’evasione si limitino ad introdurre nuovi adempimenti per le aziende sopratutto. Ciononostante le stime dell’evasione non calano mai mi piacerebbe una volta tanto avere stime anche sull’efficacia delle nuove norme sulle stime dell’evasione perché spesso ha l’impressione che i costi per i cittadini siano maggiori dei benefici che derivano dalle norme stesse. Infine una riforma fiscale oggi è assolutamente necessario ridicola da parte di tutti contestare l’equità della Flat tax per difendere la struttura feudale del fisco italiano attuale

  3. F.Mario Parini

    Sono favorevole ad una rivoluzione fiscale,ma……Abolizione di tutte le detrazioni lavoro dipendente,pensionati,foigli a carico,ma introduzione di una quota fissa per ogni persona e figlio di spese detraibili se tracciate/certiicate (dai vestiti,alle ripazioni,alle cene,ai libri di scuola ecc).L’obiettivo è eliminare l’uso del contante. Solo vantaggi, e nessun svantaggio.Minori impegni delle forze dell’ordine, minori rapine ,scorte riduzione , gestione del denaro ridotto,magistrati con minori impegni, corruzione più difficoltosa,spaccio di droga più difficile, ecc.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén