logo


  1. Arduini Rispondi
    Ogni volta ache si va ad affrontare il problema aliquote si dimentica che la nostra costituzione prevede che ognino deve contribuire in base al proprio redditto. Perrtanto mi sembra che le deu proposte di flat tax on tengano conto di questo aspetto. In definitiva e detto in soldoni a rimetterci sarebbero sempre e comunque i redditi fissi da lavora e da pensione. Non si fa nessun riferiemto alla elusione fiscale addottata in primo luogo dalle aziende medie e grandi. Un riferimento: le flotte azienali. Loro possono scaricare i costi il reddito fisso non può scaricare nulla: Quando si parla di equità fiscale si dovrebbero prendere in considerazione anche questi parametri. Altro aspetto è che i redditi fissi pagano mensilmente tutte le imposte tutti gli altri appena l'anno dopo, senza contare l'evasione fiscale che in Italia raggiunge livelli altissimi. Potrebbe essere interessante introdurre il conflitto di interessi ovvero io chiedo una prestazione la proposta è sconto del 15-20% in nero e vorrei vedere chi rinuncia al 20% che su 1000€ sarebbero 200€ che però in definitiva è semore troppo poco perchè il prestatore d'opera risparmia sul'Iva e poi sull'Irpef. Sino a chè non si risolverà questo problema, che è gigantesco, il resto credo conti abbastanza poco.
  2. Henri Schmit Rispondi
    La proposta IBL ha il pregio di proporre un ripensamento complesivvo del sistema fiscale troppo complicato, bizantino, inefficiente e ingiusto. Mi domando però se non sarebbe razionale, utile, giusto e doveroso distinguere fra le imposte sulle persone fisiche e le imposto sui beni, sul patrimonio, sulle persone morali, sulle transazioni, sul consumo etc, per accettare l'idea di una semplificazione drastica sulle seconde senza mettere in questione la progressività (anzi accentuarla in tempi di crisi sociale) sulle prime. Il punto delicato fra le due categorie sono gli investiment finanziari. La distinzione fra le due categorie è giustificata per ragioni di filosofia politica: per le cose conta (solo o soprattutto) l'efficienza e quindi una flat tax da modello IBL può essere un modello valido, ma per le persone, gli attori del sistema democratica che governa (anzi che crea e mantiene in vita) i mercati, sono soggette a principi diversi, cioè di eguaglianza, non solo formale da modello proto-liberale della prima metà dell'800, ma sostanziale sancita dall'articolo 3 della costituzione (e dai principi del costituzionalismo liberal-democratico che reggono tutte le nostre costituzioni). Sbaglio?
  3. bob Rispondi
    "...il riformare, il modificare in modo profondo uno stato di cose". A chi conviene? Solo partendo da qui possiamo individuare della azioni. Prima ancora di parlare di aliquota scommetto che la gente vuole una semplificazione delle procedure, oggi a livelli folli Ma un Paese che soprattutto negli ultimi 40 anni ha utilizzato il voto di scambio come presa del potere, senza alcuna vergogna o limite. Mi chiedo: a chi conviene?