Lavoce.info

Lezioni da Londra

Una manovra fiscale discutibile scatena la tempesta sui titoli di Stato inglesi e sulla sterlina. La Bank of England interviene prontamente. La Bce non potrebbe fare altrettanto: il futuro governo italiano lo sappia.

Il pasticcio inglese

L’esordio del nuovo governo inglese, guidato da Liz Truss, non poteva essere peggiore. Venerdi 23 settembre ha annunciato un piano di espansione fiscale che ha colto di sorpresa tutti, non solo per la dimensione ma anche per il tipo degli interventi, chiaramente volti a favorire la parte più abbiente della popolazione. L’aliquota fiscale più alta, quella del 45% applicata ai redditi superiori alle 150.000 sterline, è stata abbassata al 40%. Il tetto alla parte variabile delle retribuzioni dei manager bancari (i famosi bonus), che era stato imposto dalle regole UE, è stato abilito, con il chiaro intento di rendere più attrattiva la City. L’aumento delle imposte societarie dal 19% al 23%, previsto dal precedente governo, è stato sospeso. Il tutto per un costo complessivo di 45 miliardi di sterline (circa 50 miliardi di euro) da finanziare a debito. A ciò si aggiungono i provvedimenti per sostenere imprese e famiglie di fronte al caro-energia. La reazione dei mercati finanziari non si è fatta attendere: brusco calo del cambio e della borsa, impennata dei rendimenti dei titoli di Stato (Gilts).

La reazione dei mercati ha costretto la Bank of England (BoE) a intervenire tempestivamente, per salvaguardare la stabilità di quegli intermediari finanziari, a cominciare dai fondi pensione, imbottiti di Gilts e quindi danneggiati dal deprezzamento di questi titoli. Il 28 settembre la BoE ha annunciato, e immediatamente dato avvio operativo, ad un piano di acquisti di Gilts potenzialmente illimitato nelle quantità (“whatever scale is necessary”) seppure temporaneo (la durata prevista è fino al 14 ottobre, ma nulla vieta che sia rinnovato). Allo stesso tempo, la BoE ha rinviato l’avvio del piano di vendite di titoli sul mercato, destinato a ridurre la dimensione del suo bilancio nei prossimi mesi.  L’inizio degli acquisti ha riportato un po’ di ordine sul mercato dei Gilts, minore sembra essere l’impatto sul valore della sterlina. Al di là dell’efficacia dello “scudo” introdotto dalla BoE, che va valutata giorno per giorno, la vicenda inglese fornisce alcune indicazioni interessanti per il governo che tra poco si insedierà in Italia e per l’assetto istituzionale dell’area euro.

Leggi anche:  Con la decontribuzione più donne al lavoro, ma salari fermi

Lezione per l’Italia

Il debito pubblico inglese è pari al 100% del PIL, ampiamente inferiore a quello italiano (145%). Tuttavia, i mercati hanno reagito bruscamente ad una manovra inattesa nelle sue dimensioni, nella sua composizione e completamente finanziata a debito. Una manovra espansiva, che va contro la priorità di politica economica del momento: la lotta all’inflazione. Quanto successo sul mercato dei Gilts è un monito su quanto potrebbe accadere sul mercato dei Btp nostrani se il nuovo governo italiano desse seguito alle promesse fatte dalle forze politiche della nuova maggioranza durante la campagna elettorale, quali l’estensione della flat tax, l’aumento delle pensioni minime a mille euro e l’applicazione di “Quota 41” come requisito per il pensionamento. L’incremento dello spread Btp-Bund, registrato nei giorni seguenti all’esito delle elezioni, non è nulla rispetto a quanto potrebbe accadere se la futura premier desse l’impressione di non sapere controllare coloro che, nella coalizione di governo, spingono per sostanziosi tagli di tasse e/o aumenti di spesa.

Lezione per l’Europa

La BoE ha deciso di intervenire a sostegno del mercato dei Gilts con una rapidità degna di nota: nel giro di un paio di giorni ha predisposto e avviato uno “scudo” contro la speculazione finanziaria che ha colpito i titoli di Stato, nonostante ciò la costringesse ad invertire (seppure temporaneamente) la rotta rispetto al piano di riduzione del portafoglio-titoli che era stato da poco annunciato. Il lavoro di “prestatore di ultima istanza” richiede questo: velocità e disponibilità ad agire senza condizioni, con misure potenzialmente illimitate, seppure temporanee. Non altrettanto si può dire per lo “scudo anti-spread” varato nel luglio scorso dalla Bce: il Trasmission Protection Instrument (TPI). Questo è uno strumento che, come abbiamo già rilevato, potrà essere attivato solo a valle di una valutazione di sostenibilità del debito pubblico del paese interessato e solo se una serie di condizioni saranno soddisfatte. Se un paese membro dell’area euro annunciasse un improvviso aumento del disavanzo pubblico, e questo annuncio venisse accolto male dai mercati finanziari, sarebbe difficile per il Consiglio direttivo della Bce intervenire prontamente a sostegno del debito di quel paese attivando il TPI: è facile immaginare le divisioni che si creerebbero al suo interno. Per non parlare dell’altro strumento, introdotto dieci anni fa e mai usato: l’OMT (Outright Monetary Transactions), che richiede un accordo tra il governo del paese interessato il famigerato MES (Meccanismo Europeo di Stabilità).

Leggi anche:  Perché alcune sanzioni fanno più male all’Occidente

Queste differenze tra le due sponde della Manica dipendono dal diverso assetto istituzionale. Nel Regno Unito, la BoE può decidere di finanziare (temporaneamente) il settore pubblico, anche a fronte di una maldestra manovra di politica fiscale: se questo è necessario per preservare la stabilità finanziaria e la trasmissione della politica monetaria, lo si fa e basta. Nell’area euro è tutto più complicato, perché il sostegno al debito di un singolo paese è sempre mal visto dagli altri. Torniamo sempre al problema di fondo mai risolto: politica monetaria unica e politiche fiscali nazionali. 

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Aumentiamo le sanzioni alla Russia per ottenere la pace

Precedente

La Nadef 2022 in quattro grafici

Successivo

Il pilastro che manca negli ammortizzatori sociali*

  1. Savino

    Far pagare le tasse a chi non lo ha mai fatto è l’unica notizia che può risollevare le sorti del debito pubblico. La vigilanza sulla speculazione inflazionistica, l’introduzione di una vera concorrenza e il controllo della spesa pubblica potrebbero fare il resto. Se il Governo deciderà di stare, per ragioni di scambio elettoralistico, con gli evasori, con i soliti tassisti e balneari e con i soliti manager pubblici non farà l’interesse nazionale, altro che patriottismo.

    • B&B

      Sono d’accordo. Speriamo che le COOP comincino a pagare le tasse cosi’ come i politici, i sindacati, i partiti, le banche, le masonerie, le chiese.

    • Mises

      Vediamo un po’ chi sono i principali evasori… forse le piccolissime PMI, le p.iva, i dipendenti con il doppio lavoro (vedi insegnanti), i piccoli professionisti, ecc… magari, stando a quanto ci dicono le stime, collocati nel Sud Italia (certamente il problema esiste anche al Nord). Come li staniamo questi essere cosi’ spregevoli? Ah, giusto: rappresentano l’elettore medio delle coalizioni di dx o sx. Non sarà che forse converrebbe giocare sulla produttività, puntando su liberalizzazioni che permettano alle imprese di agire in concorrenza e di crescere. Cosi’ giusto perche’ forse chi non lavora o passa la vita sui social non sa che piu’ un’azienda cresce, meno evade ed onestamente meno tempo ha per evadere. Ma no: uccidiamo l’evasore? Benissimo, per me fate pure. Poi vedrete se una lezione privata per i vs figli vi costa ancora 20e o l’idraulico o il dentista amico o il medico amiocuggino vi costano lo stesso di cio’ che vi costano ora.

      • Savino

        Una prestazione professionale non può avere meno di un minimale ma non può avere nemmeno più di un massimale. Un dentista non può continuare a farsi pagare caro impianti scadenti ed un avvocato non può continuare a farsi pagare caro atti copia e incolla fatti coi piedi e si vede…..

        • Lorenzo

          Non capisco cosa significhi “non può avere nemmeno più di un massimale”. Se io ho un prodotto/servizio che ritengo abbia più valore e riesco a collocarlo sul mercato, perché non dovrebbe essere possibile?
          Piuttosto, e l’Inghilterra insegna tanto quanto la destra di matrice berlusconiana non gliene può importare di meno, equiparare chi ha redditi sui 15-20 k€ (che andrebbero tassati al 5%) a chi ne ha 65k€ o più è da criminali.

  2. Umbe

    Le cose si possono risolvere in un attimo.
    Borghi e Bagnai a gestire tutto quanto ruota attorno a Economia e Finanza.
    …riprenderemo a volareeee..

  3. Ivan

    Possibile che chi comanda non sono più le persone ma questo fantomatico “mercato” , cioè tutti quelli che vogliono guadagnare scroccando? Ogni passatemi il termine “però” che un governo fa’, abbassa o alza il valore di questo e quello, bene ha fatto Londra a salvaguardare le persone infischiandosene del mercato …. Tanto al mercato basta buttare dentro soldi e sono felici

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén