logo


  1. Giacomo Rispondi
    Qui non si tratta di prezzo politico ma di evitare gli effetti delle CLAUSOLE VESSATORIE che fissavano un indennizzo e un tasso di rendimento totalmente fuori da ogni valore di mercato. Sinceramente mi stupisce che lo stato non sia riuscito ad annullare un contratto così falsato. La tragedia del ponte non c'entra niente è che si è regalata una montagna di soldi pubblici a un privato, sulla base di chissà quale elemento politico e ora bisogna correre ai ripari.
  2. Leone Rispondi
    Un rendimento del capitale risk free dell'11% era fuori da ogni realta'di mercato sul pianeta terra. Ma anche il 7% e' enorme. Chi ha goduto sinora di un privigegio e di una rendita ingiustificati ovviamente usa ogni arma per proteggerli. Credo che se non gli va bene il 7%, gli si dovrebbe imporre il 2%, cosi' la prossima volta ci pensano due volte prima di andare a lamentarsi. Ps: e lo stato dovrebbe farsi sentire forte con con la Commissione EU, non accettando ingerenze clientelari
  3. Belzebu' Rispondi
    Vorrei poter leggere le condizioni di vendita delle autostrade stipulato da PRODI e DALEMA. Non vorrei che l'affare lo avessero fatto loro insieme ai compratori. Mi sembra si dicesse allora che era necessario vendere per entrare in europa. Sempre piu' beffati i poveri cittadini italiani costretti a subire e pagare per le stupide ideologie e i loschi interessi degli attori.
  4. Giuseppe GB Cattaneo Rispondi
    Articolo equivoco. Se il tasso di rendimento sembra essere eccessivo come dice la Corte dei Conti e come probabilmente si vedrebbe anche da comparazioni con altre situazioni simili, perché lo Stato dovrebbe riconoscere un prezzo maggiore? Quale arcano fa si che quando lo Stato vende il prezzo sia sempre minore di quando lo Stato compra?
  5. Savino Rispondi
    Troppe operazioni in libertà sono fatte con CDP. E, poi, siamo sicuri che tornare al pubblico sia il metodo più efficace per le nostre autostrade? E, ancora, di estrema attualità, un Ministero che accorpa i già accorpati infrastrutture e trasporti con ambiente ed energia è il più adatto ad occuparsi in modo stringente della rete stradale e autostradale?