logo


  1. lucilio cogato Rispondi
    Ricordo solo che le BR furono create, ultime tra le grandi compagnie statali, proprio perché le due compagnie che allora gestivano in competizione tra loro le remunerative linee (costa orientale e costa occidentale) tra Londra e la Scozia, fecero fallimento a causa di inefficienze dovute a incontrollata eccessiva competizione. Chi conosce la storia delle ferrovie sa poi che i grandi progressi tecnici e organizzativi avutisi in campo ferroviario nel corso del XX secolo, che hanno consentito alle ferrovie di sopravvivere alla concorrenza di auto e aereo, hanno avuto impulso solo da paesi dotati di una sola principale azienda ferroviaria a totale controllo statale: Germania, Francia, Giappone, Italia. Quello di "monopolio naturale" non è un concetto astratto o una teoria economica alla moda che vale, come molte teorie economiche, solo per spiegare un periodo storico che mai si ripeterà, ma da parte di un nucleo più forte, "duro" di concetti economici in quanto legato, appunto, alla "natura" materiale, fisica e geometrica, geografica, "tecnica" di un sistema infrastrutturale a rete. Dall'egoismo del fornaio e del calzolaio come diceva Smith, possiamo ricavare pane e scarpe. Ma con le infrastrutture, benché non manchino casi importanti di "calzolai" che sono anche "ferrovieri". la questione non è così immediata. Su questi argomenti economia e finanza devono procedere di stretto accordo con la tecnica
  2. Ermes Marana Rispondi
    Un biglietto della GWR da Oxford a Londra puó costare dalle 5 alle 43 sterline, secondo quello che dice l'algoritmo. Mentre nel resto d'Europa i prezzi per un viaggio in treno locale di 1 ora e mezzo sono fissi, o con differenze di prezzo che raramente superano il 10%. Ma il problema sono i "lacci e lacciuoli"! Voialtri liberisti avete uno strano modo di considerare cause ed effetto.
  3. Roberto boschi Rispondi
    Ci sonio studi comparativi delle realtà ferroviarie europee? Vista la diversità delle situazioni in ogni Paese, c'è un qualche studio che analizzi i risultati di ciascuna realtà e li metta a confronto? Forse solo alla luce di una analisi comparata potremmo avvalorare la tua idea di "più Privato", non pensi? Ti ricordo che mettere i "monopoli naturali" ( e le ferrovie sono tali) completamente in mano ai privati può essere molto molto critico Grazie per la risposta