Lavoce.info

Tante critiche e pochi impegni: la risposta del governo alla Ue

Il governo italiano tenta di evitare la procedura di infrazione per deficit eccessivo con una risposta piena di critiche all’Europa e agli altri partner europei. Ma omette i dettagli sugli impegni che intende assumere, soprattutto per il 2020.

Una letteronzola da Roma a Bruxelles

Questa volta di fronte al rapporto di 23 pagine arrivato da Bruxelles il governo italiano non ha opposto una replica sbrigativa, ma ha inviato una risposta articolata. Alla letterona del 5 giugno non si è cioè replicato con una letterina, ma con quella che per estensione del testo (sei pagine) rappresenta una via di mezzo tra le due. Una letteronzola, insomma, ricca di critiche ma povera di impegni propositivi.

La risposta mescola due parti. La prima è una critica agli attuali difetti dell’architettura istituzionale europea. È il grosso della replica, l’83 per cento del suo contenuto: le pagine 1 e 2 e poi da pagina 4 a pagina 6. Molte delle critiche all’Europa sono note e alcune di queste, in linea di principio, condivisibili. A pagina 1 e 2 si ricorda la necessità di “aprire una fase costituente per ridisegnare le regole di governo delle nostre società e delle nostre economie, riconsiderando modelli di sviluppo che si sono rivelati inadeguati di fronte alle nostre società impoverite, attraversate da sfiducia, delusione e rancore”. Per l’Europa questo implicherebbe “una riflessione approfondita su come assicurare un effettivo equilibrio tra stabilità e crescita, tra riduzione e condivisione dei rischi”. A pagina 5 si indica poi l’esigenza di “strutturare un bilancio dell’Eurozona più ambizioso in termini di risorse e di obiettivi, tra i quali inserire la stabilizzazione ciclica, la crescita di lungo termine e la convergenza tra i paesi. La somma di 17 miliardi (di cui si è parlato all’Eurogruppo) appare decisamente insufficiente”. Certo, sarebbe meglio coniugare la coerenza delle azioni e delle parole. Da questo punto di vista, è curioso che un appello a “più Europa” arrivi da un governo che – soprattutto per la parte politica oggi preponderante nella coalizione, cioè la Lega – ha fatto del “meno Europa” la sua bandiera. O quelle nella letteronzola sono parole al vento oppure il governo deve chiarire al suo interno se vuole più o meno Europa.

La critica alle regole europee nella risposta del governo a Bruxelles include anche punture di spillo dirette a specifici paesi, il cui cattivo comportamento non è sanzionabile o almeno non è sanzionato sotto le regole esistenti. L’“ossessione dei conti in ordine” spingerebbe alcuni paesi europei a una “accentuata concorrenza fiscale”. E qui si menziona l’uso spregiudicato dei tax ruling, gli accordi tra singoli paesi e imprese multinazionali che – fissando una (molto) “modica quantità” di imposte che le grandi aziende accettano di pagare a paesi assetati delle loro competenze e di base imponibile – finiscono per sottrarre risorse fiscali agli altri stati Ue, in tal modo peggiorando le loro possibilità di far quadrare i conti. Qui il bersaglio numero uno è l’Irlanda, ma sul banco degli imputati ci sono anche Lussemburgo e Olanda e l’idea di una web tax europea di cui si discute da molto tempo sarebbe un modo per affrontare il problema. Ma nel mirino del governo italiano c’è anche la Germania che, senza essere nominata, può essere facilmente identificata come un “grande partner che consegue ampi surplus di parte corrente e di bilancio, piuttosto che attivare politiche di investimento, di innovazione, di protezione sociale e di tutela ambientale”, in tal modo danneggiando gli sforzi compiuti dall’Italia per crescere a un ritmo più sostenuto. Insomma, se non cresciamo è colpa dell’Irlanda e della Germania.

Leggi anche:  I comuni alla sfida del Pnrr

Dal governo tante parole, pochi impegni

La risposta dal governo italiano era attesa, però, non per raccogliere le idee dell’Italia sulla riforma dell’Europa, ma per conoscere gli impegni precisi da assumere allo scopo di scongiurare il rischio di procedura di infrazione per disavanzo eccessivo (a causa della mancata riduzione del debito nel 2018 e negli anni precedenti). A questo riguardo, la risposta del governo italiano è molto povera di impegni vincolanti.

Alla richiesta di Bruxelles di attuare una correzione di bilancio compresa tra i 5 e i 7 miliardi sul 2019 (richiesta onerosa perché in un certo senso vale doppio, dato che dovrebbe essere attuata a metà anno), il governo esibisce i 2 miliardi di tagli di spesa accantonati nella legge di bilancio 2019. Tali fondi, tuttavia, come hanno ricordato gli altri paesi europei al premier italiano Giuseppe Conte, proprio perché inclusi nella legge di bilancio, erano già stati contabilizzati. Ci vuole altro. Per venire incontro alle richieste della Commissione (uscente, ma in carica fino a ottobre), il Tesoro preleverà un dividendo straordinario di circa un miliardo dalle Cassa depositi e prestiti. Poi ci sarebbero fino a tre miliardi che potrebbero residuare dai fondi accantonati per reddito di cittadinanza e quota 100 (dall’Inps mancano dati ufficiali). E nei primi mesi dell’anno sono andate meglio del previsto le entrate fiscali, grazie al successo della discussa ma efficace fatturazione elettronica e grazie al boom delle nuove (o finte) partite Iva indotte dall’introduzione dell’aliquota unica al 15 per cento per le società di persone con un fatturato inferiore a 65 mila euro. Il che potrebbe portare, secondo il vice ministro Laura Castelli, a entrate aggiuntive non ancora contabilizzate per due miliardi.

Ma al di là del 2019, la vera partita sarà sul bilancio 2020. La lettera all’Europa ricorda che il Parlamento ha invitato il governo a riformare l’Irpef e a evitare gli aumenti automatici di imposte indirette oggi contabilizzati a bilancio. La riforma fiscale voluta dalla Lega (a oggi un mostro tributario con Irpef al 15 per cento per le famiglie con redditi sotto i 50 mila euro e aliquota accorpata al 39 per cento per gli altri individui) ridurrebbe le entrate fiscali di 17 miliardi, oppure “solo” di 8 miliardi nel caso in cui la riforma fiscale colga l’occasione per cancellare la misura marchio dell’era renziana, gli 80 euro, che oggi “valgono” entrate per circa 9 miliardi. Cancellare le clausole di salvaguardia delle imposte indirette per il 2020 richiederebbe di trovare risorse per 23 miliardi. In tutto, dunque, il conto di maggiori risorse da reperire oscilla tra i 31 e i 40 miliardi. Nella risposta a Bruxelles si menziona, senza ulteriori dettagli, l’attivazione di “un programma complessivo di revisione della spesa corrente e comprimibile”. Ma bisognerebbe ricordarsi che con le spending review del passato è stata attenuata la crescita della spesa, mentre riduzioni dei livelli di spesa pubblica non sono mai arrivate.

Leggi anche:  Costa caro lo spread di credibilità sul debito pubblico

Con queste premesse, non è strano che la lettera del governo italiano abbia trovato un’accoglienza gelida a Bruxelles dove – per tutti – ha parlato il commissario Moscovici: “Prenderemo anche in considerazione la risposta di Conte, ma in questo momento una procedura per debito è giustificata, quindi andiamo a lavorare, in maniera costruttiva, per evitarla. Ma non lo si fa attraverso scambi, commenti sulle regole: lo si fa sul rispetto delle regole che sono intelligenti e favoriscono la crescita”.

Alla letteronzola del governo bisognerà aggiungere qualche dettaglio per convincere i partner europei a non andare avanti nella procedura di infrazione.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Il Punto

Successivo

Se Zuckerberg vuol diventare il banchiere centrale del mondo

  1. Roberto

    Come fa a calcolare 12,3 miliardi di clausole di salvaguardia iva? Nel def le clausole di salvaguardia per il 2020 valgono 23 miliardi. Inoltre per la manovra complessiva del 2020 bisogna prendere in considerazioni anche circa 5 miliardi di spese indifferibili, che solitamente si presentano ogni anno nel bilancio, quindi il conto delle maggiori risorse da reperire si alza ulteriormente.

    • francesco daveri

      Caro Roberto ha ragione. ora mettiamo a posto. grazie

  2. Roberto boschi

    Lei sa bene che le regole europee sono una accozzaglia di tetti e limiti che agiscono in modo pro-ciclico. Non è un caso se molti Stati, prima o poi e con insistenza negli anni, le hanno violate.
    Sia onesto e non faccia una articolo dove si da per scontato che la Procedura di Infrazione sia una cosa buona e giusta per punire “uno stato cattivo” perché amministrato da una parte politica che è all’opposizione in EU e, ovviamente, non trova il Suo gradimento.
    Da un professore del suo livello c’è da aspettarsi molto più rigore scientifico.

    • francesco daveri

      Lasci stare l’onestà, per favore, e si limiti a esprimere il suo punto di vista senza insultarmi. Questa potrebbe essere già essere tutta la risposta che si merita. ma siccome agli insulti sono abituato le rispondo anche sul contenuto. Le regole fiscali europee (regola del 3 per cento + debito al 60 + fiscal compact) sono solo una delle forme che possono prendere le balanced budget rules che devono esistere in ogni unione monetaria, altrimenti l’unione monetaria non sta in piedi perché tutti i paesi fanno troppo deficit a spese della valuta comune. Si può provare a ridurre ulteriormente (l’attenuazione c’è già nei trattati) la prociclicità di queste regole ma non la si può eliminare. Si può anche predisporre un bilancio federale comune a fini di stabilizzazione. Cioè si può fare più Europa. Ma non vedo accordo in tal senso, soprattutto da parte del nostro governo.

    • Henri Schmit

      #RBoschi: Dovreste invece ringraziare una Commissione severa e criticare quella attuale finora troppo moscia. Le regole europee sono linee guida per orientare le politiche fiscali nazionali in modo convergente e virtuoso. Per definizione “i limiti limitano” le possibilità di interventi anti-ciclici. In realtà è L’Italia zoppa e inadempiente che è un freno, un limite e un rischio per politiche comuni più espansive. Coloro che promuovono misure anti cicliche senza riforme strutturali non danneggiano solo se stessi ma tutta l’area. Peggio se le misure anti-cicliche sono pure inefficienti, o aggravano il ciclo. L’unico attenuante della responsabilità degli attuali governanti è che non hanno inventato loro né gli errori né soprattutto il discorso pubblico giustificativo del loro fallimento che accolla le colpe all’UE, ai vincoli esterni. Questo è stato insegnato loro magistralmente dai precedenti governanti pre-2011 e post-2014, e dai loro apologeti.

  3. Antonio Petrina

    Premesso che il debito e’ accresciuto nel 2018 per armonizzazioni contabili imposte da leggi di derivazioni comunitarie( leggi comunicato b ca d’italia su nuovo ingresso di n. 8 enti nel perimetro della p a tra cui rete ferroviaria) , la regola europea sul debito da applicare intelligente sarebbe quella proposta da Faini il 13.12.2004 su questa rivista ancorandola alla golden rule.
    Caro prof Daveri e’ d’accordo su questa regola del debito ?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén