Lavoce.info

Il contratto di Berlusconi con le bufale

Il fact-checking de lavoce.info passa al setaccio le dichiarazioni di politici, imprenditori e sindacalisti per stabilire, con numeri e fatti, se hanno detto il vero o il falso. Questa volta tocca al nuovo “contratto con gli italiani” firmato in tv da Silvio Berlusconi. Vuoi inviarci una segnalazione? Clicca qui.

Torna il “contratto con gli italiani”

Come se non fosse passato neanche un giorno dal 2001, Silvio Berlusconi ha firmato nello studio di Bruno Vespa un impegno con gli elettori, una sorta di “contratto con gli italiani 2.0”, principalmente a tema lavoro.

La promessa di Berlusconi è portare, entro la fine della prossima legislatura, la disoccupazione italiana sotto la media dell’Eurozona dell’8,7 per cento. Oltre alle promesse per il futuro, il leader di Forza Italia ripercorre i presunti successi dei suoi governi, come l’aver creato un milione e mezzo di posti di lavoro, e cerca di descrivere la situazione attuale della disoccupazione giovanile.

“Io, Silvio Berlusconi, nella mia vita ho creato da imprenditore decine di migliaia di posti di lavoro e da Presidente del consiglio oltre un milione e mezzo di posti di lavoro. Oggi il tasso di disoccupazione in Italia tocca quasi l’11 per cento, quello della disoccupazione giovanile il 32,2 per cento, un giovane su tre non lavora. Al Sud, addirittura, per un giovane su due il lavoro è un miraggio, un’utopia. Non basta: tre milioni di giovani, sfiduciati, non studiano e non cercano nemmeno più lavoro”.

Sono dunque almeno tre i dati da verificare: i posti di lavoro creati da presidente del Consiglio, il tasso di disoccupazione giovanile e il numero di Neet, ossia i giovani che non lavorano e non studiano.

Davvero un milione e mezzo di posti di lavoro in più?

Berlusconi sostiene di aver creato nel corso della sua carriera da premier un milione e mezzo di posti di lavoro. Premettendo che la variazione degli occupati non è mai solo merito o demerito del governo, dai dati Istat sugli occupati emerge che l’impatto dei suoi quattro governi sul mercato del lavoro è stato nel complesso quasi nullo.

Dalla figura 1, si nota che il numero di occupati è aumentato solamente nel quinquennio 2001-2006, ossia durante i governi Berlusconi II e III. Durante gli altri due, il primo e l’ultimo, gli occupati sono diminuiti. Quindi, il saldo netto delle variazioni del numero degli occupati, nel corso dei suoi quattro incarichi da presidente del Consiglio, è di + 71 mila. Ovviamente, si tratta di un semplice esercizio aritmetico: le variazioni del mercato del lavoro non dipendono solo dall’azione del governo, ma anche dalla congiuntura economica complessiva. Quindi, la comparazione tra periodi di tempo distanti deve essere fatta con cautela.

Figura 1 – I posti di lavoro creati da Berlusconi, dati in migliaia

Quanti sono i giovani disoccupati?

Sulla disoccupazione giovanile, Berlusconi inciampa nel classico errore di confondere la forza lavoro con la popolazione totale. Infatti, secondo il leader di Forza Italia, un giovane su tre non lavora poiché il tasso di disoccupazione nella popolazione 15-24 anni sarebbe del 32,3 per cento. Tuttavia, l’Istat calcola il tasso di disoccupazione come il rapporto tra il numero di disoccupati e il totale della forza lavoro, che è composta da occupati e disoccupati. Ovviamente, in questo insieme non rientrano gli studenti che non stanno lavorando o cercando un’occupazione, che fanno invece parte della categoria degli inattivi. Perciò, come scrive l’Istat, è sbagliato dire che “un giovane su tre non lavora”. Molti giovani sono infatti impegnati in un percorso formativo, scolastico o universitario, non stanno cercando un lavoro e quindi non possono essere considerati disoccupati. Se invece non volessimo considerare la forza lavoro ma il totale della popolazione, l’incidenza dei disoccupati calerebbe all’8,7 per cento. Ed è questo il dato che Berlusconi avrebbe dovuto utilizzare per descrivere il tasso dei giovani disoccupati sul totale della popolazione, che ovviamente comprende anche gli studenti. Altrimenti, si utilizza un dato su una porzione della popolazione, la forza lavoro, facendolo passare per un dato sul totale. Ovviamente, lo stesso errore si ripete quando Berlusconi parla della condizione dei giovani nel Mezzogiorno e afferma che un giovane su due al Sud non lavora.

Tabella 1

Fonte: Istat

Neet o non neet, questo è il dilemma

Berlusconi parla poi di “tre milioni di giovani sfiduciati” che “non studiano e non cercano nemmeno più lavoro”. L’interpretazione del dato non è facile. Infatti, sembra che Berlusconi si riferisca ai Neet, cioè quei giovani che, secondo la definizione di Eurostat, non lavorano né seguono un percorso formativo o educativo. Il tratto caratteristico dei Neet, quindi, non sarebbe quello di essere scoraggiati, nel senso di non cercare più lavoro, ma quello di non essere impiegati in un’attività lavorativa o educativa. In questo senso, tra i Neet rientrano sia i disoccupati (ossia chi non ha un lavoro ma lo sta cercando) sia gli inattivi (ossia chi non ha un lavoro e non lo sta cercando).

Inoltre, Berlusconi non specifica quale fascia di popolazione stia analizzando. Se assumiamo la stessa fascia 15-24 anni utilizzata per calcolare la disoccupazione giovanile, secondo Istat nel terzo trimestre 2017 i giovani Neet erano 1,3 milioni. Se invece, come sembra fare Berlusconi, considerassimo solo i giovani sfiduciati, cioè gli inattivi, la cifra scenderebbe a meno di un milione. L’unico dato che si avvicina a quanto citato da Berlusconi è quello sui Neet nella popolazione 15-34 anni: 3,3 milioni e 2,2 milioni senza considerare i disoccupati.

Il verdetto

Berlusconi commette sicuramente due errori, uno sui posti di lavoro creati durante i suoi governi e uno sul tasso di disoccupazione giovanile. Sul numero dei Neet, la sua dichiarazione è poco precisa e priva di riferimenti. Elemento che denota una certa approssimazione, soprattutto per chi vorrebbe stringere un impegno formale con gli italiani. Quindi, la dichiarazione di Berlusconi è senza dubbio FALSA.

Ecco come facciamo il fact-checking. Vuoi inviarci una segnalazione? Clicca qui.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Recupero di sovranità, missione impossibile

Successivo

Partecipate: una su tre chiude come dice Madia?

10 commenti

  1. Maurizio Sbrana

    NON SONO “ERRORI” …
    Sa di dire cose non vere…

  2. Federico Vonella

    Probabilmente la notizia è falsa, come avete analiticamente dimostrato.
    La sensazione che si ha però è, senza dubbio, che negli anni in cui abbiamo avuto al Governo la Casa delle Libertà prima e il PDL poi, la situazione era socialmente, economicamente e politicamente più stabile.
    E probabilmente è così.
    Si fa leva sul fatto che in quegli anni si noi Italiani “stavamo meglio” rispetto ad oggi.

    Federico Vonella

    • RENATO FIORETTI

      Sono incredibili il pressapochismo e la superficialità con le quali tanti, al pari del Sig. Vonella, insistono nel negare evidenze lapalissiane. Anche sottoponendosi al concreto rischio di essere considerati complici di chi (Berlusconi) mente sapendo di mentire.
      Si definisce “probabile” quello che, contemporaneamente, si riconosce essere stato “analiticamente dimostrato” e si esprime la “sensazione” – come se le sensazioni fossero state anch’esse analiticamente dimostrate – di aver vissuto in una situazione sociale, economica e politica che, in verità, la stragrande maggioranza degli italiani avrebbe difficoltà a confermare.
      Comunque, contento lui.
      Cordialità, Renato Fioretti

  3. Andrea Bondanini

    Ottimo,anche se gli errori erano certi senza analisi acute. E’ incomprensibile articoli del genere non abbiano effetti negativi sulla sorte di contaballe e fattucchiere.

  4. Fabio Zaccaron

    Strano che non parli più della flat tax. Era (?) il primo punto del programma. Forse perché la copertura è data dai tagli dei bonus fiscali. C’è chi si è indebitato per ristrutturare casa con la prospettiva del rientro in 10 anni di una parte di quanto speso. C’è chi sta pensando di utilizzare il “sisma bonus” per mettere in sicurezza la casa con spese di notevole entità. Se questi bonus saranno effettivamente tagliati credo che il settore edilizio subirà la mazzata finale, per non parlare di chi si è indebitato per saldare i lavori già fatti.
    La recente partecipazione di Renato Brunetta alla trasmissione Otto e Mezzo su La7 ha confermato che la prospettiva è questa. In effetti sembra di capire che il beneficio andrà ai redditi alti e sarà pagato da chi ha avuto fiducia in quanto promesso dallo stato con buona pace per il tema della fiducia nelle istituzioni…

  5. E’ imbarazzante come gli autori non tengano conto della situazione economica del 2008-2011 assai peggiore del triennio precedente per la crisi mondiale. Se B. fosse stato in grado di mantenere i risultati precedenti anche nel triennio di massima crisi sarebbe da considerare un genio dell’economia..

    • Gabriele Guzzi

      Ciao Marco, specifichiamo nell’articolo come le variazioni degli occupati ovviamente non dipendano solo dal governo in carica. Come purtroppo invece fa Berlusconi. Lui però cita un numero, e noi abbiamo verificato che non è vero.

  6. Federico

    Non capisco la critica: il tasso di disoccupazione è effettivamente il 32% (perché questo è l’appellativo che si dà all’indice “disoccupati/FL”appunto comunemente definito di disoccupazione). Diverso invece quando dice che un giovane su tre non lavora: essendo l’82% dei giovani non lavoratore è giusto dire che 4 giovani su 5 non lavorano

    • Lorenzo Borga

      Ciao Federico, se si sostiene di contare i giovani “non lavorano” bisogna guardare l’incidenza sulla popolazione totale. In questo Berlusconi sbaglia, facendo confusione con il tasso di disoccupazione. Una credenza diffusa, tanto che oggi gran parte dell’opinione pubblica crede che un terzo dei giovani siano interessati a un lavoro e lo stiano cercando. Non è così.

  7. Savino

    Nell’epoca dei lavoretti non è credibile la favola del cumenda brianzolo che fa i soldi con la fabbrichetta.
    Silvio confonde i nostri ragazzi sfiduciati con Pier Silvio.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén