Lavoce.info

L’economia di Macron tra cambiamento e continuità*

Emmanuel Macron potrebbe essere il prossimo presidente francese. In economia è un riformatore che vuole porre le basi per un nuovo modello di crescita, giusta e sostenibile. Un programma non facile da attuare, tanto più senza maggioranza in parlamento.

Nuovo modello di sviluppo

Brexit ed elezione di Donald Trump consigliano di non fidarsi troppo dei sondaggi, ma è probabile che Emmanuel Macron sarà il prossimo inquilino dell’Eliseo, un “progressista” e “candidato del lavoro e delle classi medie e popolari” il cui programma economico è destinato a incidere anche nel resto d’Europa e in Italia in particolare. Le proposte dell’ex ministro dell’Economia sono molto più liberali rispetto al programma protezionista di Marine Le Pen, senza arrivare ai toni thatcheriani di François Fillon. Vi si ritrovano i toni socialdemocratici di François Hollande e Manuel Valls, ma con strappi su fiscalità, politica del lavoro e soprattutto concertazione.
La diagnosi di Macron sull’Europa non si discosta da quella del centro-sinistra: l’austerità ha avuto effetti pro-ciclici, prolungando la recessione, lasciando in eredità un deficit di investimenti e infrastrutture. Se Parigi vuole riconquistare la parità politica con Berlino, sono fondamentali rigore fiscale e riforme strutturali: solo una Germania sicura della serietà delle intenzioni francesi potrà discutere di un vero budget e di un ministro delle Finanze dell’Eurozona. La filosofia è integrazione basata su responsabilità e solidarietà.
La Francia non ha vissuto la lunga recessione dell’Italia, ma la crescita del Pil negli ultimi anni è stata inferiore all’Eurozona e le diseguaglianze di reddito e di opportunità sono aumentate. Macron si prefigge di porre le basi per un nuovo modello di crescita, giusta e sostenibile (anche dal punto di vista macroeconomico) perché ecologica e al servizio della mobilità sociale. Da un lato, quindi, risparmi per 60 miliardi, di cui 25 nelle politiche sociali, 10 nelle spese degli enti locali e il resto grazie a “una modalità di governo totalmente nuova” (un mode de gouvernance totalement nouveau). Dall’altro, investimenti da 50 miliardi nella formazione (15), nella transizione energetica ed ecologica (15) e in altre priorità che vanno dalla sanità al digitale, dall’agricoltura ai trasporti.

Leggi anche:  La Cina ha un piano: svincolarsi dal dollaro

Le misure annunciate

Per ridurre al 7 per cento la disoccupazione nel 2022, dal 10 per cento nel 2016, il candidato di En Marche! conferma la sua fiducia nel Jobs act transalpino, la legge El Khomri del 2016. Il miglioramento della congiuntura può creare 550mila posti di lavoro, le misure strutturali 750mila. Va resa più flessibile l’applicazione delle 35 ore, introdotto un massimale sulle indennità di licenziamento e favorite le negoziazioni decentralizzate (a livello di settore e di impresa), lasciando al legislatore solo la definizione dei principi (ma negando che le parti sociali possano essere portatrici dell’interesse generale).
Accanto alla maggiore disponibilità di spesa per le politiche attive, Macron propone di rendere obbligatorio il “bilancio delle competenze” e di sospendere i sussidi a chi rifiuta due proposte di assunzione consecutive. L’Unedic (Union nationale interprofessionnelle pour l’emploi dans l’industrie et le commerce) – l’ente paritetico (fortemente indebitato) che gestisce l’assurance-chômage (assicurazione contro la disoccupazione) – passerà sotto controllo pubblico, sarà finanziato dalla fiscalità generale e diventerà universale. Le allocations (sussidi) verranno estese ai salariati che lasciano volontariamente il proprio posto dopo almeno cinque anni e a lavoratori autonomi e liberi professionisti.
Sul fronte della competitività, la priorità è ridurre di 20 miliardi gli oneri tributari, con un’equa distribuzione tra imprese e famiglie. Previsti anche l’esonero completo del salario minimo (Smic) e la trasformazione parziale del Cice (Crédit d’impôt compétitivité emploi), rendendo permanente la riduzione degli oneri sociali ed estendendo la misura a piccole imprese, autonomi e terzo settore. Per quanto riguarda la tassazione d’impresa, l’aliquota verrà portata da 33,3 a 25 per cento, in linea con la media europea. L’Isf (Impôt sur la fortune) diventerà un’imposta sulle sole rendite immobiliari.
In tempi grami per i globalisti, Macron si oppone al protezionismo, anche se non si pronuncia apertamente sul Ttip (Transatlantic Trade and Investment Partnership). In ogni caso, propone azioni specifiche per vigilare sul rispetto degli interessi europei, tra cui un Buy European Act che riservi gli appalti alle imprese che realizzano almeno la metà delle proprie attività in Europa.
Su concorrenza e privatizzazioni, Macron è abbastanza vago. Riconosce che spesso i mercati dei beni e dei servizi funzionano male, ma non propone nessuna misura specifica. Desidera creare un Fonds pour l’industrie et l’innovation da 10 miliardi, finanziato con i dividendi delle imprese pubbliche e dato in gestione a Bpifrance.
Tre anni prima che Macron nascesse, un altro candidato dal profilo abbastanza simile – “di destra” in economia, “di sinistra” sui temi della società – veniva eletto presidente dei francesi. Anche Valéry Giscard d’Estaing guardava al modello scandinavo, con i suoi valori e le sue istituzioni. Che quasi mezzo secolo dopo la Francia cerchi ancora di percorrere questa strada la dice lunga sugli ostacoli che incontrano i riformatori. E che renderanno difficile anche l’azione di Macron, il cui movimento assai difficilmente avrà i voti in parlamento per governare da solo.

Leggi anche:  La Cina è vicina, gli uiguri meno

 

* Una versione più ampia dell’articolo è disponibile su www.nomisma.it.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Cosa frena l’ingresso dei giovani nel lavoro*

Successivo

Banche di nebbia

  1. Henri Schmit

    Il programma di Emmanuel Macron è ovviamente solo il menu elettorale di un candidato-presidente senza partito. En Marche! è un movimento finora senza organizzazione centrale e territoriale, ma EM, énarque, ha amici! La politica fiscale dipenderà da chi formerà e sosterrà il governo. Numerose misure del programma sono convincenti e potrebbero ispirare il MEF italiano. L’ISF solo immobiliare, la riduzione dell’IS dal 33,3 al 25%, un sussidio di disoccupazione uniforme abbinato ad una politica della formazione (anche adulta) e del ricollocamento; non si capisce dove saranno tolti i 25 miliardi di spese sociali. Lodevole la difesa della riforma della legge El Khomri. Non si dice nulla della riforma del sistema pensionistico, gravemente squilibrato, né della tassazione dei redditi più alti. L’articolo diviene più misterioso quando parla di politica UE; certo, la F deve mirare a recuperare la fiducia della D; ma qual è la finalità di “un vero budget” e di “un ministro delle finanze dell’eurozona”? Oggi paesi come l’Italia si lamentano delle costrizioni del fiscal compact e della modifica dell’articolo 81 della costituzione. Un euro-ministro delle finanze (presupposto da un “vero euro-budget” cioè da un aumento delle tasse!) implicherebbe un’ulteriore perdita di sovranità (la libertà di decidere spese e tasse nazionali). Un effetto salutare della BREXIT potrebbe essere che tutti capiranno che “an ever closer union” non può significare sempre più tasse (magari pagate dagli altri!)

  2. Filippo Crescentini

    Credo anch’io che Macron sia la riedizione di Valéry Giscard d’Estaing. Bisogna sperare che coloro che hanno finora dichiarato di sostenere Hamon, si decidano a prendere atto che quest’ultimo non ha alcuna chance di arrivare al ballottaggio e ad appoggiare Melenchon. Il quale, invece, con il riporto dei voti degli elettori potenziali di Hamon, al ballottaggio ci andrebbe sicuramente, magari anche con più voti del suo contendente, di trattasse di Macron o della Le Pen. E potrebbe anche vincere le Presidenziali. Poi, alle Legislative, il maggiore insediamento territorale del PS potrebbe portare all’Assemblea nazionale molti deputati socialisti, a temperare l’ispirazione programmatica di Melenchon, soprattutto sul versante delle politiche verso l’Europa.

  3. Giovane Arrabbiato

    Beh pasta vedere il lavoro svolto da ministro dell’economia sotto Hollande….
    Se il buongiorno si vede dal mattino, tra attentati terroristici, crescita zero e favori ai soliti noti investitori internazionali, con Macron la Francia è ben avviata verso l’autodistruzione.

  4. Antonio

    Macron banchiere di Rothschild che ha sfottuto ripetutamente gli operai come candidato delle classi medie e popolari??

  5. Niccoló

    Secondo il mio parere, il rischio principale delle politiche di Macron sono legate ai destinatari delle stesse. Sappiamo giá – dalle esperienze precedenti – che una maggiore flessibilitá nei contratti lavorativi ha delle esternalitá negative sulle fasce piú deboli del mercato (lavorativamente parlando) come giovani e disoccupati.
    Allo stesso momento, come delineato dall’articolo, alcune misure nel programma sono abbastanza opache. Cosa taglieranno i 25 miliardi di risparmi nelle politiche sociali? E gli altri 10 agli enti locali?
    Il rischio é che politiche di questo tipo aumentino il bacino degli scontenti, dei poveri, dei deboli. Lo scenario peggiore é che queste persone ingrossino le fila del partito della Le Pen che magari da qui a 5 anni non sará piú la vittima sacrificale del ballottaggio.
    Soluzioni? Politiche piú radicali, che mirino alla diminuzione del grado di diseguaglianza nelle nostre societá. La Francia, per dirla alla Macron, non ha bisogno di piú miliardari, bensí di una distribuzione della ricchezza piú egualitaria. Solo cosí ci metteremo al riparo da derive estremiste e xenofobe.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén