Lavoce.info

Dimostrare che la criminalità non paga

Nella lotta alla criminalità organizzata, l’azione di forze dell’ordine e magistratura ha continuato il trend positivo nell’arresto di latitanti importanti. Il Governo ha posto attenzione al problema della confisca e riuso dei beni sequestrati.Sul riuso efficiente c’è ancora molto da fare.

Sul piano repressivo le attività di forze dell’ordine e magistratura hanno continuato il trend positivo già avviato sotto il precedente Governo per quanto riguarda l’arresto di latitanti eccellenti. Il Governo Monti ha giustamente posto attenzione al problema della confisca e riuso dei beni sequestrati alle organizzazioni criminali, con un potenziamento dell’agenzia che segue questi temi. Tuttavia questo rimane un terreno dove occorre fare molto, perché il sequestro dei beni rappresenta un provvedimento estremamente penalizzante, ed efficace, contro le organizzazioni criminali, ma il riuso efficiente rappresenta, nei confronti delle società locali, un fattore fondamentale per dimostrare che sono possibili occasioni di sviluppo anche fuori delle organizzazioni criminali. A oggi il record delle attività confiscate è estremamente negativo, con una larghissima percentuale di attività che non riescono a raggiungere l’equilibrio economico. Ostacoli di natura burocratica, affrontati dal Governo, si sommano a difficoltà nei confronti del sistema bancario, dalla mancanza di mentalità imprenditoriale dei curatori dei beni nominati dai tribunali, e da un adeguato supporto di consulenza per le nuove iniziative che nascono. Occorre quindi un intervento più organico su questo che appare uno dei fronti decisivi per rompere il consenso sociale alle organizzazioni criminali.

Autovalutazione del Governo – Lotta alla criminaliltà

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Mai più violenze in carcere

Precedente

Economia verde e emergenze in lista d’attesa

Successivo

Insufficienza in pagella

  1. umberto

    Non c’è dubbio che la magistratura e le forze dell’ordine abbiano conseguito importanti risultati nella lotta alla criminalità organizzata. Però le dimensioni complessive del fenomeno restano allrmanti e non so se siano in regresso. Quella che non viene definita con chiarezza (o viene taciuta) è la natura del fenomeno. La criminalità organizzata non sarebbe tale se non potesse contare su vaste collusioni con settori deviati della politica, delle istituzioni e talvolta delle imprese. Queste ultime hanno preso atto del problema ed hanno adottato contromisure a livello di Confindustria. La politica non ha fatto altrettanto e continua ad affrontare il problema come se non la riguardasse direttamente, adottando anche misure che la proteggano da coinvolgimenti diretti. Finchè la politica non farà chiarzza e pulizia al proprio interno il fenomeno mafioso non verrà estirpato.

  2. renzo

    Esiste uno studio sull’oro, sulle somme liquide, le obbligazioni, i titoli azionari confiscati alla delinquenza organizzata negli ultimi anni e sugli enti a cui sono stati trasferiti, con le rispettive quantità?

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén