Lavoce.info

Ma per le donne l’Italia non è ancora arancione

L’Onu ha ammonito l’Italia per non avere fatto abbastanza per ridurre la violenza di genere. I dati sono impressionanti. Bene le leggi per contrastare il fenomeno, per prevenirlo ci vogliono investimenti, a partire dall’educazione di genere nelle scuole. E più uguaglianza nel mercato del lavoro.
Obiettivo 2030
Il 25 novembre è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Le Nazioni Unite hanno lanciato l’iniziativa Orange the World – coloriamo il mondo di arancione – per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della prevenzione della violenza sulle donne e sulle ragazze. Uno degli obiettivi per il 2030 dell’Agenda per uno sviluppo sostenibile è di sradicarla completamente. La violenza di genere, che culmina nel femminicidio, è stata definita dall’Onu un crimine di stato e una forma di violazione dei diritti umani, ed è stata ribadita l’urgenza per i governi di prevenire, proteggere e tutelare la vita delle donne, che vivono diverse forme di discriminazioni e di violenza nel corso della loro esistenza.
Quanto “arancione” è l’Italia? Ancora qualche mese fa, nel giugno 2015, l’Italia ha ricevuto un richiamo dall’Onu per non avere fatto abbastanza per ridurre la violenza di genere.
Quei numeri impressionanti
I recenti dati Istat mostrano una realtà impressionante: in Italia 6 milioni 788mila donne hanno subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale.
Significa più di una donna su tre di età compresa tra i 16 e i 70 anni, un dato in linea con quello medio dell’Europa a 28 secondo un rapporto del Fra, l’Agenzia dell’Unione Europea per i diritti fondamentali. Sono 652mila le donne che hanno subìto stupri e 746mila le vittime di tentati stupri. Se il dato medio delle donne che ha subito violenza non è diverso tra donne straniere e italiane, una differenza notevole emerge per le donne separate o divorziate, che hanno subìto violenze fisiche o sessuali in misura maggiore rispetto alle altre (51,4 per cento contro 31,5 per cento), e per le donne in condizione di disabilità.
I dati Istat riportano tuttavia un trend decrescente rispetto ai numeri registrati nel quinquennio precedente: il miglioramento è in parte frutto di nuove leggi e di nuove politiche, di una maggiore informazione, del lavoro sul campo; in parte (o soprattutto) di una migliore capacità delle donne di reagire a situazioni di rischio.
Come combattere la violenza sulle donne
La legge 119/2013 ha contribuito a contrastare la violenza, accelerando i percorsi giudiziari, dando tempi più certi per procedimenti e processi e sostenendo i centri anti-violenza e le case rifugio. Il Jobs Act ha introdotto il congedo per le donne vittime di violenza di genere, riconoscendo esplicitamente anche la perdita economica diretta che la donna subisce in caso di violenza.
Ma per prevenire la violenza ci vogliono investimenti di lungo periodo che passino attraverso l’educazione di genere nelle scuole, l’eliminazione dai media di immagini offensive delle donne, nonché politiche che promuovano l’uguaglianza di genere nel mercato del lavoro e riequilibrino il potere contrattuale dei partner all’interno della coppia. Non dimentichiamo infatti che sono i partner, attuali o precedenti, a compiere le violenze più gravi sulle donne.
Come discusso nell’articolo di Daniela Piazzalunga e Giuseppe Sorrenti, c’è evidenza empirica che la riduzione della violenza sulle donne passa anche attraverso meccanismi puramente economici: quando l’autonomia femminile si rafforza e le disuguaglianze di genere si riducono, il rischio per le donne di subire violenza diminuisce. Perché la disuguaglianza di genere è, per dirla con l’Onu, la “root cause” della violenza e per eliminare quest’ultima, dobbiamo anche ridurre la prima.

Leggi anche:  Donne e lavoro all’alba della ripresa

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

La regola flessibile del debito pubblico *

Successivo

Cooperazione allo sviluppo: la sfida dell’Italia

  1. bob

    ..il cammino lo vedo lungo e pieno di difficoltà in un Paese che nel 2015 si “permette” di avere ancora 10-15% della popolazione analfabeta. Le leggi marciscono se non implementate su un terreno di cultura e di educazione civica….e tutti siamo consapevoli che questo è un Paese privo di memoria se non quella di ” Franza o Spagna purchè se magna”

  2. Da un sito serio come La Voce mi sarei aspettato un analisi seria. Dati alla mano, la realtà è che
    – l’Italia è uno dei paesi al mondo con il minor tasso di omicidi di donne
    -l’indagine ISTAT è inaffidabile: un’altra indagine che ha fatto le stesse domande tendenziose agli uomini, ha trovato un egual numero di uomini vittime di violenza femminile
    – le indagini sociologiche serie trovano che la violenza domestica è comemssa da una piccola percentuale di persone, uomini e donne in egual misura
    – ad attaccare l’Italia non è l’ONU, ma il CEDAW: un contestato comitato femminista che opera dentro l’ONU

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén