logo


  1. Henri Schmit Rispondi
    Interessante e convincente il rapporto fra polarizzazione del dibattito sulle alternative fiscali e cultura finanziaria. Più significativo sarebbe il rapporto fra polarizzazione e appropriatezza/efficienza/convergenza delle politiche fiscali. Quest'ultima è relativamente facile a misurare, mentre la cultura finanziaria è un concetto equivoco: si deve intendere il livello di conoscenza degli strumenti finanziari, (bizzarrerie) fiscali e (trucchi) giuridici nella popolazione o la garanzia pubblica dell'uso corretto degli strumenti e dell'effettiva repressione degli abusi da parte degli operatori, o tutti i due insieme? L'Italia sarà pure arretrata nella diffusione delle conoscenze finanziarie (dato fornito dagli autori), ma lo è soprattutto nell'insufficiente garanzia del rispetto delle regole costitutive di tutti i meccanismi di finanza privata e pubblica. Bisogna infine tener conto di un ulteriore parametro: le modalità tecniche - non proprio equivalenti nei vari paesi - del diritto di voto incidono sulla capacità dei cittadini di esprimere il loro consenso/dissenso con gli autori delle politiche fiscali....