Lavoce.info

Chi sono i firmatari per il referendum su eutanasia e cannabis

Sebbene dichiarati inammissibili dalla Consulta, i due referendum su eutanasia e cannabis hanno ridestato un senso di partecipazione alla politica dei giovani. Tuttavia il supporto mostra una forte eterogeneità di genere, età, e territoriale.

La decisione della Consulta rispetto all’ammissibilità dei quesiti referendari su cannabis ed eutanasia, sostenuti rispettivamente da 600 mila e 1milione 200 mila (di cui solo 850 mila depositate) firmatari, ha fatto molto discutere. Nonostante il parere contrario della Consulta, il dato politico è particolarmente importante: i due referendum hanno mostrato una forte partecipazione popolare, anche grazie alla possibilità, per la prima volta, di poter sottoscrivere la piattaforma referendaria in forma digitale, attraverso l’identità digitale (Spid). Una misura approvata dalla Commissione Affari Costituzionali e Ambiente della Camera, al fine di semplificare la partecipazione dei cittadini anche durante il periodo delle restrizioni anti-Covid.

Grazie alle informazioni sulle firme depositate e rese disponibili dal comitato promotore dei due quesiti referendari, con capofila l’Associazione Luca Coscioni, abbiamo comparato i dati sulla partecipazione alle due piattaforme referendarie per area territoriale, genere ed età. Un risultato molto interessante che emerge da una prima analisi meramente descrittiva delle firme raccolte è legato alla significativa eterogeneità presente nel supporto alle due piattaforme referendarie. E questo non solo a causa del fatto che il quesito referendario sull’eutanasia ha goduto di un arco temporale per la raccolta firme più lungo, nonché del doppio canale di raccolta, sia fisico che digitale.

Un primo dato che emerge è la marcata eterogeneità territoriale. Più del 50 per cento dei firmatari risiede nei comuni del Centro-Nord. La figura in basso mostra il rapporto esistente fra firme raccolte digitalmente e popolazione residente in ogni singolo comune. Pur controllando per la popolazione residente, le zone urbane mostrano una maggiore partecipazione politica.

Figura 1 – Distribuzione territoriale dei firmatari (solo firme digitali)

Inoltre, osservando le due mappe, emerge una netta divisione Nord/Sud (con la Sardegna parte del Nord). La mappa a sinistra mostra come, nel caso del referendum sul fine vita, la partecipazione (online) sia stata molto consistente nel Nord e nelle zone urbane, evidenziando una netta separazione rispetto al Sud del Paese. Diversamente, il sostegno al quesito sulla cannabis legale è stato prevalente nelle zone urbane del Centro-Nord  (in particolare Lazio, Toscana ed Emilia-Romagna) e parte della Puglia. Inoltre è interessare notare come, al Sud, il tema della cannabis legale abbia raccolto relativamente maggior sostegno rispetto a quello dell’eutanasia.

Leggi anche:  Il lato oscuro della meritocrazia

Una seconda divisione che emerge è quella generazionale. Utilizzando l’intero universo delle firme depositate dal comitato referendario, il picco di sottoscrizioni si raggiunge fra i giovani nella fascia d’età 18-25 per il quesito sulla cannabis e nella fascia d’età 25-34 anni per il quesito sul fine vita.

Il quesito referendario sulla cannabis è inoltre apparso più divisivo sia per età che per genere. La partecipazione dei meno giovani crolla molto più velocemente rispetto a quella per il quesito sull’eutanasia, mentre la partecipazione maschile è solo leggermente più elevata sul tema dell’eutanasia rispetto alla partecipazione femminile e segue lo stesso trend per le diverse fasce d’età. Sul tema della cannabis, il divario di genere è molto più marcato fra i giovanissimi e tende ad appiattirsi con l’aumentare dell’età, anche alla luce della limitata partecipazione al referendum dei meno giovani.

In conclusione, l’analisi dei dati sui firmatari delle due proposte referendarie, eutanasia e cannabis, mostra un sostegno eterogeneo fra i diversi territori italiani. Tuttavia, emerge una forte e chiara spinta generazionale (in particolar modo della generazione Z e dei Millennials) per una risposta politica su questi temi. Una richiesta alla quale il Parlamento dovrebbe dare una risposta a prescindere dall’inammissibilità tecnica dei quesiti referendari.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Europei in ginocchio: più ipocrisia che omaggio

Precedente

Nostalgia di casa per i millennials espatriati

Successivo

La dipendenza energetica dell’Ue in sei grafici

  1. Savino

    Con tutti i problemi che abbiamo succede che, da un lato, la politica si mostra sensibile solo per l’impunità, proponendo referendum che aboliscono parti rilevanti della politica criminale del Paese come la legge Severino e le norme sulla custodia cautelare, che libereranno e faranno candidare dagli spacciatori ai corrotti, e, dall’altro lato, l’opinione pubblica si mostra interessata solo alla cannabis. Ma la situazione socio-economica, la lotta alla pandemia, la nostra salute psico-fisica, le questioni geopolitiche, le questioni energetiche, i cambiamenti climatici, la cultura e la scienza per il futuro delle generazioni non interessano proprio a nessuno? Persino per essere contro il sistema e contro i partiti occorre un’impronta riformatrice, occorre dire dove si vuol andare. Politicanti e popolino stanno proprio campando alla giornata, senza alcuna visione d’insieme.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén