A partire dalla Rivoluzione Industriale, le emissioni di gas climalteranti sono aumentate a un ritmo sempre più veloce, toccando nuovi massimi quasi ogni anno. Secondo alcune stime, questo andamento proseguirà nei prossimi decenni: dal 2019 al 2050, per esempio, le emissioni di CO2 sono destinate a salire del 18 per cento.

Contribuiscono in particolare alle emissioni i paesi esportatori di petrolio e le grandi potenze industriali, pur con alcuni distinguo: un cittadino americano inquina quasi due volte tanto uno tedesco e quasi tre volte tanto uno italiano o britannico.

Le emissioni hanno effetti tangibili in particolare in termini di aumento della temperatura, che ha subito un’accelerazione a partire dagli anni Ottanta. Un’altra conseguenza sono gli eventi meteorologici estremi, che colpiscono in particolare paesi già poveri. Anche l’Italia è particolarmente esposta. Purtroppo, i dati del Climate Change Performance Index mostrano che nessun paese sta facendo abbastanza per contrastare i cambiamenti climatici.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Imprese, famiglie e lavoro nel 2020 in otto grafici
Leggi anche:  Tre grafici per la Giornata Internazionale della Donna