Lavoce.info

L’altro medagliere di Tokyo 2020

Gli Stati Uniti hanno vinto il medagliere dei Giochi della XXXII Olimpiade, ma il modo in cui viene calcolata la graduatoria finale lascia poco spazio al peso di argenti e bronzi e non considera i fattori demografici e socio-economici che possono essere alla base di questo successo.

Dopo aver esultato per le gare e le medaglie dell’Italia, 40 (dunque quel 20 20 ci voleva dire qualcosa), di cui dieci d’oro, viene il momento della riflessione. Sono tante o sono poche? Ha senso un medagliere con i valori assoluti? E, innanzitutto, come si contano le medaglie?

Le medaglie pesate

La classifica ufficiale viene stilata in base al numero di medaglie d’oro, guardando all’argento e al bronzo solo in caso di parità. Non si tratta di un bel modo di contare. Infatti, farebbe preferire due ori e nient’altro a un oro, dieci argenti e dieci bronzi. Potrebbe forse riflettere la logica di un singolo atleta (meglio un oro che tre bronzi), ma non quella collettiva di un’intera nazione. Molto meglio considerare tutte le medaglie pesandole opportunamente. Un sistema di pesi esiste già nel valore stesso dei metalli: la medaglia d’oro vale due argenti e tre bronzi. La Tabella 1 considera i 32 paesi che hanno ottenuto almeno tre ori con questo tipo di ponderazione.

Si vede come gli Stati Uniti si distaccano nettamente da tutti, per il gran numero di argenti e soprattutto di bronzi. Salgono anche gli atleti russi (da quinti a terzi) e soprattutto l’Italia, che da decima diventa settima, superando in modo piuttosto netto Paesi Bassi, Francia e Germania.

Nature and nurture 

La seconda considerazione da fare riguarda i fattori di eccellenza che fanno vincere una gara. Quando si parla di talento, gli anglosassoni hanno un’espressione efficace: nature and nurture, natura e allevamento.

“Natura” è la componente biologica e la casualità genetica che, in un’alchimia largamente spontanea e imprevedibile, produce un potenziale campione; “allevamento” è l’insieme delle condizioni sociali e ambientali che fanno sì che quel potenziale si sviluppi, cresca, diventi realtà e orgoglio.

Leggi anche:  Razzismo: quando lo stadio tace, il giocatore è più bravo

In ogni nazione, la componente naturale è connessa alla dimensione della popolazione. Più è numerosa la popolazione, più è probabile che nascano dei talenti naturali. Dunque, il primo elemento da inserire nel medagliere olimpico è la popolazione del paese, in modo da rapportare le medaglie vinte alla popolazione da cui sono scaturite. Usando i dati demografici, si vede come la correlazione tra numero di medaglie pesate e popolazione del paese è molto elevata (87%), indicando, come atteso, che il numero di medaglie tende a crescere al crescere della dimensione demografica nazionale (Figura 1).

Nel grafico sono state escluse due eccezioni, Cina e Brasile, che hanno popolazioni abnormi (1,44 miliardi e 214 milioni rispettivamente) rispetto alle “poche” medaglie conquistate, mentre non sono inclusi per una miglior leggibilità del grafico gli Stati Uniti, le cui medaglie pesate (70,5) sono perfettamente proporzionali all’ampia popolazione americana (333 milioni). La posizione al di sopra o al di sotto della linea della proporzionalità medaglie/popolazione indica l’esistenza di un altro fattore in gioco (nurture) oltre a quello biologico.

L’effetto reddito

A fianco della componente “naturale” si trova quella ambientale: lo sport (praticato) deve essere valorizzato nella cultura del paese, nell’educazione scolastica e negli investimenti in impianti e attrezzature messi a disposizione della popolazione in generale per fare emergere i talenti naturali presenti nella gioventù. Questa componente ambientale è certamente correlata con il reddito pro capite, indicatore della ricchezza e del grado di sviluppo di un paese. L’effetto congiunto di popolazione e reddito pro-capite spiega più di quattro quinti della variabilità tra paesi del numero di medaglie pesate. La vera graduatoria olimpica dovrebbe comprendere quindi la componente del medagliere non spiegata dall’effetto “automatico” congiunto della popolazione (nature) e del reddito (nurture).

Se può essere di consolazione, i britannici sono primi in questa graduatoria depurata dagli effetti di popolazione e reddito, seguiti da Australia, Paesi Bassi, Russia, Giappone, Ungheria, Nuova Zelanda, Cuba e Italia (Figura 2). Il numero di medaglie pesate di questi paesi è nettamente superiore a quanto risulta prevedibile dall’ampiezza della popolazione e dal livello del reddito pro-capite. Anche sotto questo punto di vista, l’Italia esce alla grande dal confronto con tutte le altre nazioni.

Leggi anche:  Superlega e nuova Champions League, dov'è la concorrenza?

Viceversa, ben 14 paesi hanno ottenuto un numero di medaglie inferiore rispetto a quanto ci si aspetterebbe dal loro reddito e dalla loro popolazione. Tra questi Cina, Brasile e Iran ma anche, in misura significativa, gli Stati Uniti.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Detrazione unica e imposta negativa per cambiare l’Irpef

Successivo

Effetto Monte dei Paschi sull’economia di Siena

  1. Andrea Clementi

    Ottimo articolo. La miglior analisi letta finora sul tema.

    Ma a mio avviso ancora incompleta perché non considera un’altra variabile fondamentale per pesare il valore delle medaglie: il numero di praticanti della disciplina.
    Una medaglia vinta in una disciplina praticata da milioni di atleti vale, ovviamente, molto di più di una medaglia vinta in una disciplina praticata da poche migliaia di atleti.

    Un’altra variabile molto importante, difficile però da quantificare in termini oggettivi come il numero di praticanti, è la qualità degli atleti. Gli sport più famosi o più ricchi attirano gli atleti migliori. Ad esempio la medaglia di bronzo nel Basket vale un milione di volte di più della medaglia d’oro nel basket 3×3. Mi immagino che pochissimi dei giocatori del 3×3 troverebbero posto in una delle squadre del basket normale mentre probabilmente tre giocatori di medio livello del basket normale vincerebbero a mani basse contro i giocatori che hanno vinto l’oro nel basket 3×3 (giocando una partita 3×3)
    Questo è un esempio fatto tra due sport simili per facilità di comprensione, ma probabilmente molti degli atleti medi di uno sport “maggiore” vincerebbero facilmente medaglie in uno degli sport “minori” consoni alla loro “nature” se avessero seguito quel percorso di “nurture”

    Sarebbe poi interessante una classifica simile, che sommi le olimpiadi estive e quelle invernali. Magari la Norvegia migliorerebbe notevolmente la propria classifica finale.

    • Mirko Zanette

      Concordo coi tuoi suggerimenti; facciamo una petizione!

    • Michelangelo

      Il senso dell’articolo è relativamente alle dinamiche sociale/economiche delle nazioni, ma è vero che pesarle per i praticanti ed il numero di medaglie sarebbe la cosa più sensata ma è così contraria allo spirito olimpico che non può essere considerata. Confrontare giustamente una medaglia del basket che ha 400 milioni di praticanti e 2 medaglie con il taekwondo (molto praticato, c’è molto di peggio) con 70 milioni e 8 medaglie indica che servirebbero 23 medaglie d’oro del taekwondo per pareggiare quella del basket. In pratica quasi tutte le specialità olimpiche sarebbero irrilevanti in quanto la gran parte degli atleti del mondo sono concentrati in 7-8 sport. Alla fine è un gioco irrilevante, ovviamente se i migliori talenti sono distribuiti su sport irrilevanti la nazione è molto più “olimpica” ma sportivamente pessima (la Cina ha fatto proprio così).

  2. Guido Rossi

    Molto ben fatto e argomentato; segnalo solo una cosa: nel penultimo capoverso scriverei britannici al posto di inglesi, sono molto diversi i due concetti.
    Grazie

  3. Fabio Cosio

    Ottimo articolo, concordo pienamente nella ratio di dare più giustizia e leggere più correttamente il medagliere.
    Tuttavia, occorrerebbe a mio avviso un’ulteriore correzione. E’ verissimo che paesi più grandi hanno più capitale umano a disposizione e dunque più facilità nel competere ai massimi livelli, d’altro canto però le % relative dei paesi come partecipanti non rispetta affatto la loro grandezza ma è più egalitaria. mi spiego meglio:
    – prendiamo Stati Uniti (330 milioni di abitanti) e Slovenia (2 milioni di abitanti). gli USA hanno 165 volte gli abitanti della Slovenia, tuttavia come partecipanti ai giochi olimpici ne hanno , ipotizzo, 20 volte. dunque la correzione per abitanti paese potrebbe essere una media aritmetica tra queste 2 grandezze.
    Gradirei ricevere un commento nel merito. Grazie ancora per il contributo molto interessante.
    Fabio Cosio

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén