La seconda settimana di gare dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 si apre dopo una domenica esaltante per gli atleti azzurri. Quella che si sta svolgendo è una delle edizioni più complesse e rischiose delle Olimpiadi moderne, nella quale gli aspetti commerciali ed economici sono certamente tra i principali motivi che hanno spinto gli organizzatori a non considerarne l’annullamento.

Dal punto di vista del Cio, le Olimpiadi sono la primaria fonte di ricavi e saltare un’edizione estiva, molto più ricca di quella invernale, sarebbe stato economicamente difficile da recuperare. Da simbolica opportunità di rinascita, il Giappone si è trovato a gestire un’Olimpiade da concludere con i minori danni economici e sanitari possibili.

In questa serie di grafici abbiamo analizzato ricavi e costi olimpici, come sono cambiati nel tempo, insieme al cresciuto ruolo delle atlete.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Equal pay day in cinque grafici
Leggi anche:  Il risparmio degli italiani in quattro grafici