logo


  1. Piero Rispondi
    Solo una salutare inflazione può risolvere i problema; ho letto la relazione dei saggi di Npolitano, un fallimento totale; mi auguro che questi saggi non facciano parte del governo, nasca un governo politico. Nella relazione hanno frettolosamente liquidato il problema dl credito che a mio avviso e' il principale problema del paese (meno credito-imprese chiudono- disoccupazione), vi sono glì ordini ma non vi è la possibilità di mandare avanti le aziende, i saggi risolvono questo problema con 2 miliardi al fondo centrale di garanzia che non diventa 30 ma solo 4 miliardi perché la garanzia viene data al 50%, ricordo a tutti che il fondo i garanzia eroga credito ad imprese sane, perciò verrano escluse tutte quelle massacrate dalla politica fino ad oggi attuata. La soluzione del credito e semplice il fondo garanzia deve garantire tutte le imprese con prestiti pari al 20% del fatturato, il solo requisito che deve essere garantito e' che l'impresa non sia in crisi ed abbia gli ordini.
  2. Piero Rispondi
    Rodota' non è stato mai il più votato, alla fine, causa l'implosione del Pd e' stato giustamente nominato Napolitano; viste le votazioni, il governo politico di larghe intese con obbiettivi predeterminati per uscire dalla crisi non ha alternative; come evidenziato nell'articolo dall'autore Rodota' non aveva letto bene l'art.81, come si poteva pensare che potesse difendere la Costituzione se non sa intepretarla? In ogni caso il nuovo governo politico, visti i limiti della costituzione deve subito prendere posizione in Europa per una politica monetaria espansiva con strumenti non convenzionali senza sterilizzazione degli effetti, se ciò non viene portato a casa vi sarà la rottura dell'area valutaria.
  3. Wassily Kandinsky Rispondi
    Forse è meglio studiare Keynes piuttosto che testi che pretendono di essere keynesiani, come il Blanchard. Allora si capirebbe che ha ragione rodotà piuttosto che l'autore di questa nota per Keynes il ruolo della spesa pubblica e del deficit di bilancio non si esaurisce certo nelle fasi anticlichiche che poi vengono compensate da fasi procicliche. ben piu' ampio è il ruolo dello stato che fa deficit nel pensiero di keynes suggerisco di leggere keynes della teoria generale, trattato sulla moneta, ed altri ancora ed abbandonare le vulgate antikeynesiane di blanchard e company