Lavoce.info

Migranti: aria nuova da Washington

Joe Biden ha iniziato la sua presidenza con un pacchetto di ordini esecutivi che riguardano anche le politiche migratorie. Non si limitano a cancellare le misure più odiose dell’amministrazione Trump, ma prefigurano un ambizioso disegno riformatore.

Il pacchetto di ordini esecutivi

Joe Biden ha inaugurato la sua presidenza con un pacchetto di ordini esecutivi che rovesciano diversi dei provvedimenti più controversi dell’amministrazione Trump e indicano la rotta che il neo-presidente intende seguire nei prossimi quattro anni. La tradizione dei primi cento giorni dei presidenti statunitensi ha registrato una conferma e un’accelerazione.

Diverse misure riguardano le politiche migratorie: come Donald Trump aveva voluto lanciare alla nazione un potente messaggio simbolico sugli immigrati indesiderati quale minaccia esiziale, da respingere a ogni costo, così Biden ha risposto cancellando con un tratto di penna i prodotti più odiosi di quella visione ansiogena e spietata. A scanso di equivoci, non ha cancellato i confini nazionali e aperto le porte a tutti coloro che aspirano all’ingresso sul territorio Usa, ma ha rimosso le forzature più controverse delle campagne trumpiane: la separazione dei figli degli immigrati irregolari dai genitori, il bando in blocco contro incolpevoli viaggiatori che avevano la sfortuna di provenire da paesi mussulmani (poveri), il dirottamento di fondi del Pentagono alla costruzione del muro con il Messico, il tentativo di bloccare la regolarizzazione dei figli di immigrati non autorizzati arrivati negli Stati Uniti da minorenni (i cosiddetti Dreamers), la sospensione della minacciata espulsione dei rifugiati liberiani arrivati vent’anni fa a causa della guerra civile.

Anche aspetti apparentemente minori, come il conteggio degli immigrati irregolari nel prossimo censimento, serviranno a prevedere una dotazione più adeguata delle risorse del welfare locale per garantire loro i servizi necessari. Significativo poi l’ordine esecutivo che annulla le minacce di tagli dei fondi federali alle cosiddette “città santuario”, ossia le amministrazioni locali di varie città, tra cui New York, che avevano rifiutato di collaborare con l’amministrazione Trump nella caccia agli immigrati privi di permessi. Cancellata anche la priorità del perseguimento dell’immigrazione non autorizzata da parte delle agenzie federali, a svantaggio di altri compiti istituzionali.

Leggi anche:  Immigrati irregolari: vittime senza voce

Segnali di svolta

Fin qui, però, l’azione di Biden potrebbe apparire orientata a riportare la barra al centro, riprendendo il filo delle politiche moderatamente liberali dell’amministrazione Obama. Due iniziative configurano invece una vera svolta, un ambizioso disegno riformatore di questioni irrisolte da decenni.

La prima riguarda l’avvio di una revisione del funzionamento dell’eguaglianza razziale in tutte le agenzie e dipartimenti che dipendono dal governo federale, allo scopo di verificare se le politiche in uso svantaggino qualche componente etnica della società statunitense.

La seconda, per ora annunciata, investe il tema spinoso della legalizzazione degli immigrati in condizione irregolare, stimati in undici milioni. Biden non progetta soltanto di concedere loro un permesso di soggiorno, ma di predisporre un percorso che in otto anni li conduca alla cittadinanza. Se riuscirà ad andare fino in fondo, tra Senato in bilico e Corte suprema ostile, risolverà un problema su cui i suoi predecessori si sono sempre impantanati.

Mentre nel suo discorso inaugurale annunciava di voler riunificare il paese, il neo-presidente ha affrontato di petto i più ingombranti totem della presidenza Trump: le misure xenofobe che tanto hanno contributo ad assicurargli il consenso della maggioranza degli elettori di origine europea. C’è una morale in questa scelta, che dovrebbe fare scuola anche a casa nostra: i penultimi, i bianchi poveri o ansiosi per il loro futuro, vanno rassicurati su altri piani, combattendo la pandemia, proteggendo i redditi, rilanciando l’economia. Non assecondando le pulsioni a scaricare sugli ultimi, sui più deboli, ansie e paure, e neppure collocandosi a metà strada, in pericolosi compromessi tra giustizia e xenofobia. Spira aria nuova a Washington.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Ingressi di stranieri per lavoro: un canale da riaprire

Precedente

Gli anziani non autosufficienti si meritano un progetto

Successivo

Investire non è un gioco per dilettanti allo sbaraglio

  1. PURICELLI BRUNO

    L’inserimento degli immigrati produrrà effetti complessivamente negativi fino a quando verrà “CONCESSO” Gratis et Amore Dei.
    Siamo alle solite. Il pensiero di sinistra fa sempre i conti senza l’oste. In questo caso, alla proposta molto sociale e comprensiva, seguirebbe un prepotente incoraggiamento all’emulazione e, poiché nulla si dice dei problemi che solleveranno i neo arrivati, si preveda che l’afflusso sarà addirittura organizzato da lontano e senza filtri. Ciò comporterà uno scollamento delle tradizioni, dei costumi, della resa di ritorno alla società americana che, in modo sempre più diffuso si sentirà trascurata. Si abbasserà il livello medio di sicurezza e fluidità della vita sociale. Per evitarlo, sarebbe necessario prevenire simili effetti approntando adeguate strutture di inserimento che parte da un effettivo apprendimento della lingua inglese. Meglio se affiancata dall’obbligo di conoscenza minima di cultura generale della storia americana, senza se e senza ma!!!
    Successivamente, saranno scoraggiati insediamenti monoculturali che, per fortuna, negli USA sarà meno difficile ottenere. In Italia sarebbe molto più difficile. Questo è il bigliettod’invito per tali popolazioni: inserimento in cambio di studio e applicazione. Contale premessa, i candidati all’immigrazione si prepareranno ancor prima e, questo il punto più importante, i figlie ed i piccoli capiranno subito come vanno le cose! Anche noi dovremmo fare una cosadelgenerema maonsifannole nozzecoifichi secch

  2. Credo che l’Italia, in grave calo di popolazione, dovrebbe, oltre che promuovere le nascite, svolgere una politica di promozione dell’immigrazione e integrazione degli immigrati, non selettive: abbiamo bisogno di cervelli ma anche di raccoglitori di frutta. Una politica di stretta cooperazione con i paesi d’origine, nel comune interesse.

  3. JK

    Come confermato dal testo di Maurizio Ambrosini, negli Stati Uniti D’America, USA, si vota e si cambia.
    Infatti, nonostante gli insoliti, probabili brogli, con schede postali senza busta e data, a favore dei democratici, si fanno votare i cittadini nonostante il virus cinese.
    Solo nei paesi con dirigenza autoritaria, come nella Cina Comunista è il presidente a decidere.

  4. Giampiero

    La narrazione che l’immigrazione diffusa e indiscriminata sia sempre cosa buona per l’economia non significa che lo sia per la coesione sociale e per le giovani generazioni che sono condizioni per un reale progresso del nostro Paese.

  5. Marcomassimo

    Si, ma per rassicurare i penultimi ci sarebbero tre cosette, da fare che Biden molto difficilmente farà in quanto disturberebbero non poco le elites; 1)un piano straordinario di investimenti pubblici, che sono la SOLA cosa che può sconfiggere la disoccupazione, 2) elevare i salari minimi 3)Rivedere radicalmente le regole del circo Barnum della finanza e separarare le tipologie di banche come fece Roosevelt.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén