logo


  1. Marcomassimo Rispondi
    Si, ma per rassicurare i penultimi ci sarebbero tre cosette, da fare che Biden molto difficilmente farà in quanto disturberebbero non poco le elites; 1)un piano straordinario di investimenti pubblici, che sono la SOLA cosa che può sconfiggere la disoccupazione, 2) elevare i salari minimi 3)Rivedere radicalmente le regole del circo Barnum della finanza e separarare le tipologie di banche come fece Roosevelt.
  2. Giampiero Rispondi
    La narrazione che l'immigrazione diffusa e indiscriminata sia sempre cosa buona per l'economia non significa che lo sia per la coesione sociale e per le giovani generazioni che sono condizioni per un reale progresso del nostro Paese.
  3. JK Rispondi
    Come confermato dal testo di Maurizio Ambrosini, negli Stati Uniti D'America, USA, si vota e si cambia. Infatti, nonostante gli insoliti, probabili brogli, con schede postali senza busta e data, a favore dei democratici, si fanno votare i cittadini nonostante il virus cinese. Solo nei paesi con dirigenza autoritaria, come nella Cina Comunista è il presidente a decidere.
  4. Giacomo Correale Santacroce Rispondi
    Credo che l'Italia, in grave calo di popolazione, dovrebbe, oltre che promuovere le nascite, svolgere una politica di promozione dell'immigrazione e integrazione degli immigrati, non selettive: abbiamo bisogno di cervelli ma anche di raccoglitori di frutta. Una politica di stretta cooperazione con i paesi d'origine, nel comune interesse.
  5. PURICELLI BRUNO Rispondi
    L'inserimento degli immigrati produrrà effetti complessivamente negativi fino a quando verrà "CONCESSO" Gratis et Amore Dei. Siamo alle solite. Il pensiero di sinistra fa sempre i conti senza l'oste. In questo caso, alla proposta molto sociale e comprensiva, seguirebbe un prepotente incoraggiamento all'emulazione e, poiché nulla si dice dei problemi che solleveranno i neo arrivati, si preveda che l'afflusso sarà addirittura organizzato da lontano e senza filtri. Ciò comporterà uno scollamento delle tradizioni, dei costumi, della resa di ritorno alla società americana che, in modo sempre più diffuso si sentirà trascurata. Si abbasserà il livello medio di sicurezza e fluidità della vita sociale. Per evitarlo, sarebbe necessario prevenire simili effetti approntando adeguate strutture di inserimento che parte da un effettivo apprendimento della lingua inglese. Meglio se affiancata dall'obbligo di conoscenza minima di cultura generale della storia americana, senza se e senza ma!!! Successivamente, saranno scoraggiati insediamenti monoculturali che, per fortuna, negli USA sarà meno difficile ottenere. In Italia sarebbe molto più difficile. Questo è il bigliettod'invito per tali popolazioni: inserimento in cambio di studio e applicazione. Contale premessa, i candidati all'immigrazione si prepareranno ancor prima e, questo il punto più importante, i figlie ed i piccoli capiranno subito come vanno le cose! Anche noi dovremmo fare una cosadelgenerema maonsifannole nozzecoifichi secch