logo


  1. Sergio Ascari Rispondi
    Bello. Ho imparato qualcosa, e confesso che l'accenno al nuovismo digitale presto obsoleto mi ha stimolato una sana ilarità, quanto mai utile di questi tempi.
  2. Lorenzo Rispondi
    Mi sembra di capire che si voglia tutelare anche chi su una piattaforma privata dica "Assaltate la Bastiglia"? Puro non sense.
  3. Emanuele De Candia Rispondi
    Prof. condivido la trasparenza procedurale anche se ho alcuni riserve sul resto. Noto che digital utilities qui andrebbe oltre il concetto di infrastrutture di pubblica utilità comprendendo anche quello di servizio universale editoriale equiparato al servizio pubblico televisivo, molto più intrusivo quanto ad obblighi regolamentari rispetto alle prerogative assegnate al servizio pubblico di operatori televisivi privati. Questi ultimi soggetti infatti non sono sottoposti agli obblighi prospettati nell'articolo e la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea non trova applicazione nelle fonti del diritto nella legislazione dei media. Nessun potere pubblico potrebbe sanzionare una televisione privata per aver negato l'accesso a chiunque ne dichiarasse la volontà, tantomeno ne potrebbe sanzionare la censura in un dibattito in corso. Non si creerebbe una forte asimmetria di regolamentazione tra piattaforme ed editori?
  4. Lorenzo Faglia Rispondi
    Non ho competenze giuridiche, ma non si potrebbe comparare la pubblicazione di un contenuto su una piattaforma social alla pubblicazione di una lettera di un lettore su un quotidiano? Anche in quel caso immagino che la redazione faccia un vaglio in base sia alla legislazione vigente che ad una scelta editoriale. Paradossalmente su un quotidiano cartaceo lo sforzo è ancora maggiore perchè oltre al filtro di legittimità vi è un filtro di opportunità/interesse visto che lo spazio cartaceo è limitato a differenza dello spazio virtuale. Per cui il paragone più calzante potrebbe essere con la pubblicazione di commenti ad articoli sui siti web dei quotidiani dove esiste una "moderazione" dei contenuti.