È stata presentata al Consiglio dei ministri la bozza del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), che disegna il quadro di come verranno utilizzati fino al 2026 i fondi messi a disposizione dell’Italia dal Next-Generation Eu. Ottenuta l’approvazione del Consiglio dei ministri, la bozza dovrà essere presentata prima in Parlamento e poi in Europa.

Il Piano si articola su quattro linee guida e sei missioni, a loro volta suddivise al loro interno in “componenti”, aree di intervento, come per esempio l’impresa verde e l’economia circolare, funzionali a realizzare la strategia definita dal Governo. A ognuna di queste è stata assegnata una quota sul totale delle risorse.

In questa rubrica speciale mostriamo in sei grafici come saranno utilizzati i fondi del Next-Generation Eu e quali sono gli effetti previsti sull’economia italiana nei prossimi sei anni.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!