Le restrizioni alla mobilità e l’obbligo di rispettare il distanziamento sociale hanno ridotto drasticamente il numero di viaggi di piacere e di lavoro. Questa riduzione ha colpito duramente il settore turistico e dell’ospitalità, ma soprattutto quello dei trasporti. Le compagnie aeree, in particolare, hanno praticamente azzerato i propri ricavi, rimanendo senza risorse per sostenere gli altissimi costi fissi tipici dell’industria.

In questa serie di grafici abbiamo provato a fare il punto sulla situazione del settore, raccontando il crollo dei profitti e dei passeggeri, la capacità di sopravvivere durante la crisi del trasporto merci e la perdita occupazionale. Lo abbiamo fatto concentrandoci soprattutto sui primi sei mesi del 2020.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!