Sono serviti più giorni per conoscere l’esito delle elezioni statunitensi di quest’anno, soprattutto per la difficoltà nel processare i milioni di voti espressi per posta a causa della pandemia. Inoltre, il sistema elettorale americano non premia necessariamente chi ottiene la maggioranza dei voti su tutto il territorio federale e un conteggio delle schede molto lento in un singolo stato in bilico può causare lunghi ritardi. Nel voto popolare, però, Biden ha stravinto e sono già disponibili alcuni dati dati sulla composizione del voto che possono essere utili per interpretare alcune tendenze delle elezioni di quest’anno.

I dati provengono dagli exit poll di Edison Research per il New York Times e si basano su un campione di 15590 elettori rappresentativi della popolazione americana. In alcuni casi, la somma delle percentuali di intervistati che hanno risposto al sondaggio non è uguale a cento. Questo accade per due motivi: in primo luogo, non tutti gli elettori hanno votano per Biden o per Trump, anche se il numero di voti per gli altri candidati non è rilevante. Inoltre, i numeri indicati nei sondaggi rappresentano una media delle stime all’interno del margine di errore, la cui somma non sempre corrisponde a cento.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!