logo


  1. Henri Schmit Rispondi
    Evidenzio una sola frase: “Non è la garanzia in solido proposta da qualcuno nel dibattito sugli Eurobond, ma è comunque una forma di condivisione del debito tra i paesi europei.” Qual è la differenza con gli €-bond proposti e discussi da marzo anche su questo forum? La garanzia è sempre solidale, ma l’impiego non è più deciso e gestito in autonomia dallo Stato beneficiario, bensì da organi dell’UE, poco importa quali (art. 19 dell’accordo del Consiglio di luglio). La differenza è quindi abissale, fra autonomia e eteronomia, o sovranità nazionale e co-mando e controllo da parte dell’UE. L’articolo continua a tacere questo aspetto cruciale che ho personalmente evidenziato come criterio determinante da quando il dibattito è stato aperto con l’articolo di Giavazzi e Tabellini (Lavoceinfo 27/03/20, commento) e in un piccolo contributo mio su Lacostituzione.info (21/04/20). MAI NESSUNO mi ha detto che avevo ragione!
  2. Savino Rispondi
    Faranno prima e meglio gli spagnoli con la patrimoniale ed anche in Italia dovremo pensarci.