Lavoce.info

Pezzo a pezzo la Consulta smonta i decreti sicurezza

Con la decisione sull’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo la Corte costituzionale ha cancellato un’altra parte dei decreti sicurezza voluti da Salvini. Tocca ora al governo ripristinare uno stato di diritto consapevole dei suoi obblighi umanitari.

Riaffermati principi fondamentali

Il pronunciamento della Corte costituzionale, ai primi di luglio, sull’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo ha smantellato un altro pezzo dei decreti sicurezza di Matteo Salvini, dopo i super-poteri ai prefetti cassati un anno fa. Con parole nette, la Consulta ha definito la norma “irragionevole”, per i suoi effetti discriminatori, e viziata da “irrazionalità intrinseca”, giacché contrasta con la finalità di protezione della sicurezza del territorio. 

Il pronunciamento è arrivato mentre il governo Conte 2 è impegnato in complessi negoziati sulla revisione delle controverse misure anti-rifugiati, affidati alla ministra degli Interni, Luciana Lamorgese, ai gruppi di lavoro e ai tecnici del Viminale. 

I vertici del Movimento 5 stelle resistono, puntano al rinvio, rilanciano l’argomento già molte volte sentito del “benaltrismo”: le priorità degli italiani in questo momento sono altre, gli italiani non capirebbero. Da un anno ricorrono al medesimo ritornello, prima, durante e dopo la crisi del Covid-19. I rifugiati non sono mai una priorità, tranne quando vengono dipinti come una minaccia. 

Il Pd vorrebbe la riforma, ma non sembra battersi con grande convinzione. Del resto, ha appena condiviso i nuovi finanziamenti alla cosiddetta Guardia costiera libica, opportunamente annacquati nel complesso degli stanziamenti per le missioni militari all’estero. Né può passare sotto silenzio la lunga attesa di un porto di sbarco per la Ocean Viking: una vicenda che sotto un governo di altro colore avrebbe sollevato veementi proteste.

La sentenza della Corte costituzionale fissa almeno due punti, che potrebbero dare slancio ai sostenitori di una profonda revisione dei decreti di Salvini. Anzitutto, ha confermato che quei testi violano principi inderogabili del nostro sistema normativo. Chi li criticava non era un pasdaran dell’accoglienza a ogni costo, ma aveva a cuore i valori fondamentali del nostro ordinamento. C’è da scommettere che in assenza di interventi legislativi, la Consulta continuerà l’opera di demolizione di pezzi sostanziali dell’architettura pseudo-securitaria concepita dal leader leghista.  

In secondo luogo, la sentenza conferma l’importanza di un sistema giudiziario autorevole e indipendente, per garantire l’equilibrio dei poteri indispensabile per una democrazia autentica. Un aspetto, questo, sempre inviso ai nazional-populismi, che vorrebbero trarre dall’investitura popolare i “pieni poteri” di manomettere a loro piacimento le leggi vigenti. Anche in questo caso, non si tratta quindi di difendere i rifugiati, ma di riaffermare i valori più fondamentali, essenziali per la buona salute del nostro sistema democratico. 

Quattro priorità per la riforma

Leggi anche:  A casa loro gli immigrati si aiutano da soli

Quanto alla riforma dei decreti sicurezza, credo che l’attenzione vada concentrata su quattro capitoli prioritari. Il primo riguarda la reintroduzione di qualche forma di protezione, umanitaria o speciale che dir si voglia, per rispondere in modo flessibile a casi che potrebbero non rientrare nei rigidi criteri delle normative sui rifugiati, ma che meritano comunque tutela per l’effettiva integrazione avvenuta o per la sorte a cui sarebbero esposte le persone se private di un titolo di soggiorno. 

Il secondo capitolo si riferisce alla fine della criminalizzazione delle organizzazioni non governative che salvano i migranti in mare, stabilendo semmai nuovi accordi con i partner europei sull’accoglienza, mediante quei negoziati che Salvini ha sempre eluso. 

In terzo luogo, occorre ripensare le modalità di assistenza nei confronti dei richiedenti asilo, puntando più decisamente (e in modo vincolante) sulla collaborazione tra enti locali, solidarietà organizzata, attori sociali ed economici dei territori. Infine, va cancellato il raddoppio da due a quattro anni del tempo necessario per l’esame delle richieste di accesso alla cittadinanza, che finisce per portare il tempo di attesa a 14 anni almeno, come giustamente richiedono le associazioni che rappresentano i giovani di origine immigrata. 

Va ricordato che era stato il Presidente della Repubblica, contestualmente alla promulgazione della legge di conversione del secondo decreto sicurezza, a chiedere un intervento correttivo in almeno due direzioni: ridurre le sanzioni per violazioni di acque territoriali, aumentate in maniera sproporzionata fino a 1 milione di euro e non legate a valutazioni sulla ragione della condotta o su altri fattori, e reintrodurre la non punibilità in caso di tenuità dei casi di oltraggio a pubblico ufficiale (che riguardano non solo le forze dell’ordine, ma anche funzionari pubblici quali insegnanti o dirigenti di uffici postali). Finora, tali correzioni non sono avvenute.

I casi di contagio di alcuni richiedenti asilo sbarcati nelle ultime settimane non aiutano a procedere nella riforma, ma problemi veri, presunti o enfatizzati se ne troveranno sempre. È ora per il governo di decidere se vuole davvero marcare una discontinuità con l’esperienza precedente, nel senso del ripristino di uno stato di diritto consapevole dei suoi obblighi umanitari.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Leggi anche:  Calais: cronaca di una crisi che si poteva evitare

Precedente

Il Punto

Successivo

Pensioni: il sistema contributivo ha bisogno di correzioni

  1. Henri Schmit

    Meno male! Dovrebbe però far riflettere il fatto che in Italia comandano, sempre di più, i giudici, in tutto, e non i rappresentanti “eletti”. In realtà sono tutti nominati, solo che i primi sono selezionati un po’ meglio.

  2. Mauro

    Non riesco a capire, si parla di rifugiati, richiedenti asilo, migranti? Non mi sembra che sia la stessa cosa.
    L’attuale governo non ha ottenuto nulla dall’Europa, quanto i negoziati sempre elusi da Salvini. In ogni caso la domanda è sempre la stessa: l’Italia ha un obbligo di accoglienza verso tutti i migranti economici? Che arrivino via mare o via terra? Non mi risulta
    Ogni iniziativa che faciliti l’immigrazione clandestina (velocizzazione domande di residenza, riduzione sanzioni, non punibilità reati “lievi” (?), ecc. non può che aumentare il numero di irregolari in Italia. Tanto dopo basta fare una bella sanatoria.

  3. Catullo

    Sostituendolo con cosa? Perché il decreto sicurezza era un tentativo imperfetto di affrontare un problema reale. Si pensa che così sparirà il problema?

    • agostino

      il problema della sicurezza è un grosso problema in Italia (penso alle periferie delle grandi città, allo spaccio, alla violenza sulle donne, ecc.) e qualcuno pensava di risolverlo multando chi salva i profughi in mare…
      anzi, il decreto salvini ha aumentato il problema, limitando il diritto all’accoglienza e quindi mandando per strada migliaia di persone…

      • Catullo

        E gli altri come pensano di risolverlo?

        • Fabrizio Razzo

          Migliaia di persone irregolari da rimpatriare. Comunque giusto prima fermare assolutamente l’invasione altrimenti il fenomeno diventa irreversibile ed insostenibile.

        • Fabrizio Razzo

          Gli irregolari devono essere rimpatriati, ogni beneficio loro accreditato si trasforma in ulteriore attrazione per tutti gli altri. E comunque urgente fermare l’invasione ormai insostenibile socialmente ed economicamente.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén