logo


  1. Enrico D'Elia Rispondi
    Il voto plurimo (soprattutto sotto forma di premio di fedeltà) rafforza la stabilità delle imprese e le protegge dall'influenza degli speculatori, incoraggiando strategie aziendali di lungo termine. Per altro rende le imprese meno contendibili, riducendo l'efficienza del mercato dei capitali e il rinnovamento dei gruppi dirigenti. Questo significa che il voto multiplo concesso a proprietari lungimiranti e dinamici favorisce lo sviluppo, mentre è controproducente se il pacchetto di controllo è nelle mani di speculatori o incapaci. Per certi versi il problema è simile a quello del latifondo, che nel sud Italia ha fatto disastri e in altri paesi è stato un volano dello sviluppo.
    • stefano mengoli Rispondi
      ah ah ah fantastico. le stesse argomentazioni vengono utilizzate ma invece che in tono positivo in tono negativo. imprese controllate in modo stabile sono quello di cui ha bisogno l'Italia ed in particolare i risparmiatori Italiani. E' un governo che naviga a vista. pensavano di introdurle quando hanno "sentito" di Campari che è andata a domiliarsi in Olanda