logo


  1. FRANCESCO MAGNO Rispondi
    L'emergenza creata dal virus Sars-Cov19 ha avuto tanti effetti. Uno di questi, evidente, è stato quello di risvegliare l'interesse verso una branca della storia economica molto trascurata e cioè lo studio dei contagi e dei suoi effetti nella storia. Oblio probabilmente causato dal fatto che la storia economica servirebbe a spiegare le dinamiche del presente, mentre questo studio si riteneva (a torto) ormai di nessuna attualità. Ebbene, non ho mai dimenticato la lezione di un grande storico italiano quale Carlo Cipolla, che ha scritto pagine tuttora, a distanza di decenni, definitive su come le pestilenze furono affrontate dagli stati italiani -all'epoca all'avanguardia- e sui loro effetti economici. Rileggendo mentre il morbo infuriava quelle pagine, ad ogni pagina ho fatto fatica a pensare che fossero state scritte da un autore scomparso ormai da quasi vent'anni. Che peccato non aver trovato finora, né sui giornali, né in TV né ahimè su testate specializzate alcun riferimento alla sua opera. Leggendole si capirebbe che anche in passato i morbi colpivano in un posto più e in un altro magari poco lontano molto meno; che i morbi avevano una loro stagionalità; che la risposta degli stati italiani era codificata già dal cinquecento in un insieme di norme molto simili a quelle adottate oggi (non si chiamava lockdown ma all'estero era noto come modello italiano). Sarebbe bello che si riscoprisse e valutasse la lezione di questo grande studioso.