logo


  1. Eleonora Rispondi
    Io in genere cerco di leggere libri belli, senza curarmi del genere di chi li ha scritti. Ma magari sbaglio.
  2. Fabrizio Razzo Rispondi
    Quindi introduciamo le “quote rosa” anche nell’ editoria? O come nelle liste elettorali? A me pare il solito lamento “chiagni e fotti” sempre di maggiore attualità visti i risultati che si ottengono nella cronaca quotidiana….