logo


  1. bob Rispondi
    "Non alluderei a complotti nella statistica ufficiale, con tutti i limiti, uno dei pochi fari sicuri sui fenomeni socio-economici (per quanto in una fase emergenziale) in questo periodo di statistiche pirotecniche." "i complotti" come lei sottolinea sono nella comunicazione dei dati statistici e non nei dati in se. "bisogna saperli leggere " come dice l'autore aggiungerei con una grande onestà intellettuale, qualità da politici lungimiranti e non da piazzisti quotidiani
  2. emiliano Rispondi
    La questione che più pesa è la cassa integrazione. Uno strumento solo italiano che "congela" gli effetti della crisi. Questo blocca le uscite. Le entrate non ci sono e quindi la gente smette di cercare. Per questo c'è un travaso verso l'inattività. Non alluderei a complotti nella statistica ufficiale, con tutti i limiti, uno dei pochi fari sicuri sui fenomeni socio-economici (per quanto in una fase emergenziale) in questo periodo di statistiche pirotecniche.