logo


  1. Bruno Ferrari Rispondi
    Alla socialdemocrazia si rimproverava di voler guidare la nostra vita dalla nascita alla morte, ed era solo una banale socialdemocrazia, andata comunque a ramengo proprio come il socialismo cattivo. Adesso quello che ci si prospetta è una cosa degna del peggior nazifascismo, perché qualsiasi idea “pericolosa” per il potere diventa un virus pericoloso. L'alta percentuale di si alla proposta dice più di tutte le analisi sociologiche sullo stato della nostra salute mentale e politica. A chi come me lascia sistematicamente il cellulare a casa (sono vecchio e odio il telefono), metteranno il braccialetto come ad un criminale?
    • Aram Megighian Rispondi
      Nazioni del Nord (scandinave) hanno messo in piedi, durante i governi socialdemocratici, dei sistemi di salute pubblica in cui ciascun cittadino ha la sua cartella clinica dalla nascita alla morte. La Danimarca fa scuola su questo e spesso le indagini epidemiologiche mondiali si basano su questi database. Nessuno ha sollevato mai problemi di privacy perchè la raccolta dei dati e i dati stessi sono fatti dallo Stato. Le recenti inchieste del NYT hanno invece messo in evidenza come i privati, tramite i social, google e i gps dei telefonini raccolgono e analizzano già i dati di spostamento della gente ideintificata tramite gli ID dei telefonini (sei anonimo.... ma con una targa identificativa). Le app proposte utilizzano anch'esse questi dati. Per cui quale è il problema di base ? 1. Chi realmente raccoglie i dati ? Stato o privati ? 2. Chi li immagazzina ? Stato o privati ? 3. Chi li gestisce ? Stato o privati ? 4. Chi li analizza ? Stato o privati ? Secondo me tutto dovrebbe essere fatto dallo Stato. In una democrazia ciò è garanzia di chi ha realmente in mano i miei dati e di chi ne è responsabile, formalmente e politicamente. Lasciare le cose in mano ai privati, con il ricorso a loro da parte dello Stato, con regole che spesso sono sfuggenti o che possono comunque presentare a posteriori delle falle, è quantomeno pericoloso.
  2. Francesco Rispondi
    Temo che l'onnipresente burocrazia, il benaltrismo, la discussione fine a sé stessa, i timori per reazioni negative basate su un concetto di "privacy" (mentre i vari Google, FB, ecc. tutto sanno di noi), i timori di perdita di consenso da parte del proprio elettorato, ecc. porteranno la discussione alle Calende Greche e a un conseguente ulteriore danno in termini di vite perse ed economia asfissiata.
    • Massimo Demasi Rispondi
      Secondo me, questa app può funzionare bene se tramite tampone sono identificati la maggior parte dei contagiati e se si fanno tamponi anche agli asintomatici che sono stati a contatto con persone contagiate. Questo è quanto è avvenuto in Corea del Sud. Da noi, dove si è arrivati a stimare che il numero dei contagiati potrebbe essere 10 volte (o addirittura 50 volte) maggiore rispetto ai casi rilevati con tampone e i tamponi non si fanno agli asintomatici, servirebbe davvero a poco.