logo


  1. Arduino Coltai Rispondi
    Ritengo in questa fase l'analisi sui tamponi meno significativa (andava fatta probabilmente prima...). Non capisco invece perché non si scelga un campione rappresentativo della popolazione (come si fa per l'analisi delle intenzioni di voto) e non si conduca su questo campione un'analisi attenta delle risposte anticorpali che consenta di avere un'idea statisticamente significativa del numero di persone contagiate e quindi ormai immuni dal virus. Sarebbe fondamentale farlo in vista di un'accurata comprensione della diffusione della malattia (molti lavori in giro sostengono che la popolazione contagiata è di almeno un ordine di grandezza superiore rispetto ai dati propagati) e di una necessaria riapertura delle attività nei tempi più brevi possibile, in considerazione delle criticità ben note.
  2. Giuseppe GB Cattaneo Rispondi
    Mi permetto di osservare che oltre alla metodologia complessa la ricerca statistica proposta effettuata sui tamponi ha poco interesse prognostico e quindi utilità relativa. Penso che sarebbe invece molto più utile al fine di indirizzare le decisioni politiche una ricerca condotta con analoghi strumenti statistici sulle risposte anticorpali.