logo


  1. Sabrina Visentini Rispondi
    Un settore dimenticato è quello dei Servizi Demografici, in particolare lo Stato Civile. L'Ufficiale di Stato Civile redige gli atti di morte, rilascia il permesso di seppellimento, autorizza la cremazione. Affinchè il neonato sia riconosciuto dai genitori e diventi titolare di diritti deve accogliere la dichiarazione di nascita. Il governo è andato incontro ai servizi anagrafici attraverso la proroga della scadenza dei documenti di identità al 31 agosto, è andato obbligatoriamente incontro ai servizi elettorali fermando il referendum, è andato incontro allo stato civile limitando i matrimoni. Le prefetture solo su sollecitazione degli USC hanno accettato che limitassimo la presenza almeno dei dichiaranti la volontà alla cremazione utilizzando l'autodichiarazione. Gli argomenti trattati dai servizi demografici sono molti e sconosciuti ai più ma hanno ripercussioni anche economiche tipo lo svincolo del conto corrente in favore del coniuge superstite. Scrivo con poca linearità per cui riassumo: ci sono servizi della PA di derivazione statale che si stanno organizzando al meglio in modo da assicurare al cittadino almeno l'essenziale. Eppure di questi servizi mai se ne parla.
  2. mauro zannarini Rispondi
    E' un ottima opportunità di modernizzarci tutti. Grazie