logo


  1. Bruno Anastasia Rispondi
    Evidenze chiare e interessanti. Una domanda: quanto la maggior propensione al part time post maternità spiega - se non è neutralizzata - i risultati ottenuti in termini di salario annuale e salario settimanale?
    • Alessandra Casarico e Salvatore Lattanzio Rispondi
      Grazie del commento. L’effetto di lungo periodo sui salari del 53% può essere scomposto in questo modo: 6% dovuto alla riduzione del salario settimanale full-time equivalent, 11.5% dovuto al part-time e 35.1% dovuto alle minori settimane retribuite.
  2. L'altra Eva Rispondi
    "L’emergenza coronavirus, con la chiusura delle scuole, rende ancor più evidenti le difficoltà per le donne di conciliare lavoro e famiglia.": a dire il vero, nel mio caso, a casa ci sto io, maschio con il lavoro flessibile, mentre lei che timbra va al lavoro. Come famiglia non abbiamo usufruito di nessun bonus, ci siamo pagati il nido in passato e ci paghiamo la baby sitter ora (con regole allucinanti visto che è tutto regolare). Non ne sono sicuro, ma forse il risultato che trovate ha a che fare con la biologia. E i figli non sono solo un costo (anche fisico): ci sono benefici non monetari. Forse l'attuale situazione dipende dal fatto che i benefici non monetari non vengono più valorizzati come dovrebbero. Imperialismo economico?