logo


  1. Mahmoud Rispondi
    Invertire i rapporti causa-effetto è sempre qualcosa di pericoloso. L'Italia è in declino da quando la tassazione su chi non evade costringe i suoi giovani cittadini più brillanti ad espatriare. Fondi sperperati anche nell'accoglienza di cittadini di Paesi stranieri, ad esempio nelle loro cure mediche in un Paese di cui non sono cittadini ma in cui la sanità è universale. Probabilmente una adatta soluzione sarebbe quella di aumentare i vincoli per ottenere i rilasci di permesso di soggiorno per motivi familiari, iniziando dall'imponibile minimo dichiarato negli ultimi anni di permanenza in Italia da parte del componente che chiedere da qui il ricongiungimento. Parimenti occorrono maggiori controlli sulla validità di fatto dei numerosi matrimoni contratti da cittadini autoctoni con cittadini stranieri. Questo a maggior ragione poiché l'integrazione ha un costo altissimo, economico oltre che sociale. Ricordiamo che le persone nate in Italia ma non cittadine italiane hanno sempre cittadinanza di altro differente Stato, verso il quale è presumibile presto o tardi facciano ritorno, non sono apolidi che altrimenti vedrebbero riconosciuta cittadinanza italiana ben prima del raggiungimento della maggiore età. Anche potenziare i fondi per i rimpatri volontari assistiti dei cittadini stranieri presenti sul territorio sarebbe in ottica di lungo periodo un importante investimento per il sistema Paese. Occorre maggiore coraggio politico in queste direzione ma sono personalmente fiducioso.
  2. Savino Rispondi
    Gli italiani sono diventati talmente egoisti da odiare e non aiutare nemmeno i propri figli.
  3. Alice Crosilla Rispondi
    Lungimirante