logo


  1. Michele Rispondi
    • Jobs Act (riforma del lavoro) •Stop Irap e taglio dell'Ires •80 euro per 11 milioni di italiani che guadagnano meno di 1.500 euro al mese •80 euro in più al comparto sicurezza •Riduzione del canone Rai da 113 euro del 2015 a 100 euro del 2016 che diventeranno 95 nel 2017 e si paga direttamente nella bolletta della luce. •Abolizione della tassa sulla prima casa, Imu e Tasi •Abolizione di Equitalia, dal 30 giugno 2017 •Stop tasse agricole, 1,3 miliardi in meno
  2. Paolo Rispondi
    Ogni qualvolta vado a fare la spesa mi trovo l'addebito per i sacchetti per verdura e pesce pago, non una tassa allo stato ma un "contributo" per i poveri produttori di sacchetti, qualcuno anche suo amico(con l'assurdo che se le carote o altro lo compro "confezionato" ho più plastica e non riciclabile, ma non pago niente). Un onere che non è tassa ma profitto privato obbligatorio, ovvero peggio!
  3. Mahmoud Rispondi
    Credibilità, ovvero da quale forno proviene il boccone che ti viene offerto... (Consiglio dei Ministri, 12 marzo 2014): "Lo dico qui, prendendomene la responsabilità, che se non riesco a superare il bicameralismo perfetto non considero chiusa l'esperienza del governo, considero chiusa la mia esperienza politica". (Tg2, 30 marzo 2014): "O facciamo le riforme, o non ha senso che io stia al governo. Se non passa la riforma del Senato, finisce la mia storia politica". (Repubblica.tv, 12 gennaio 2016): "Intendo assumermi precise responsabilità. È un gesto di coraggio e dignità. Se perdo il referendum io non solo vado a casa, ma smetto di far politica". (Congresso dei Giovani Democratici, 20 marzo 2016): "Io ho già la mia clessidra girata. Se mi va male, se perdo la sfida della credibilità o il referendum del 2016, vado via subito e non mi vedete più". (Che tempo che fa, 8 maggio 2016): "Non è personalizzazione, ma serietà. Se io perdo, con che faccia rimango? Ma non è che vado a casa, smetto proprio di fare politica". (Radio Capital, 11 maggio 2016): "Se non passa il referendum la mia carriera politica finisce qui. Vado a fare altro".(Il Foglio, 2 giugno 2016): "Io sono fiducioso che vinceremo bene. Ma se il referendum andrà male continuerò a seguire la politica come cittadino libero e informato, ma cambierò mestiere. Vuole uno slogan semplice? O cambio l'Italia o cambio mestiere".
  4. Michele Rispondi
    Con l'introduzione del 730 on line io risparmio 60 euro per me e 60 per mia moglie (presso i CAAF). inoltre ha tolto l?IMU sulla prima casa. Buon per voi che non vi da fastidio pagarla.
  5. umberto marchesi Rispondi
    Come l'altro Matteo "nazionale" si è rivelato un vero politico ovvero "cacciaballe" fidando nella scarsa memoria degli italiani Fortunatamente non tutti sono così ma in compenso si rodono il fegato
  6. Alessandro Petretto Rispondi
    Renzi sindaco aveva un assessore molto scrupoloso che lo convinse dell'opportunità di quegli aggiustamenti. L'uomo ha manie di onnipotenza ma è intelligente e ascolta chi sa più di lui, se fidato
  7. Carlo Rispondi
    E' vero che Renzi non va più di moda, ma l'articolo mette in fondo il dato più rilevante, la diminuzione della pressione fiscale, mentre dà molto più rilievo a rimodulazioni a carattere re-distributivo: le aliquote che aumentano nel 2012 sono quelle delle case di lusso e seconde case, mentre l'aliquota sulla prima casa era molto bassa per quei tempi; la tassazione dei capital gains era stata utilizzata per compensare riduzione dell'IRAP. Fare fact-cheking non vuol dire necessariamente guardare alle virgole ...
  8. angelo rota Rispondi
    aggiungerei che con l'introduzione del 730 on line, ridotto i contributi ai patronati, ora i caf chiedono una parcella per l'assistenza fiscale. A mio avviso questa è una tassa bella e buona ma non dichiarata.,
  9. Savino Rispondi
    Ha detto anche di peggio, cioè che bisogna tagliare sui servizi per trovare le risorse per la riduzione del cuneo fiscale. Ma eliminare, ad esempio, le partecipate, no?
    • Marco Monarbario Rispondi
      Se eliminano le partecipate perdono i "voti di scambio" che in quelle lavorano.