Lavoce.info

Discontinuità e continuità nel governo Conte bis

Il governo Conte bis nasce con lo stesso primo ministro, qualche egoismo e tante novità. Dà più garanzie all’Europa, rimette la politica in via XX Settembre e riporta terzietà al Viminale. Ma le discontinuità saranno positive solo se diventeranno idee concrete di programma da realizzare.

Discontinuità, la nuova parola d’ordine

Quando sono partite le trattative per la formazione di un nuovo governo fondato sull’alleanza M5s-Pd, il segretario dei democratici Nicola Zingaretti ha subito fissato i paletti indicando come precondizione che il nuovo governo si caratterizzasse per la discontinuità con l’esecutivo precedente. Anche per i cinquestelle c’era un’esigenza analoga: andava bene ragionare di un accordo con il Pd purché non apparisse come una risurrezione degli odiati governi Renzi e Gentiloni (e precedenti).

Dopo due settimane di negoziati, è arrivato il nuovo governo, il “Conte bis”, formato da una lista di 21 ministri. La prima non discontinuità del nuovo esecutivo riguarda proprio la persona del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. Il Conte che succede a se stesso e guiderà il “Conte bis” è però quello dei contenuti indicati nel suo discorso di commiato (o di auto-investitura futura) del 20 agosto in Senato, non l’avvocato garante del contratto tra diversi siglato quindici mesi fa da Lega e M5s. In quell’intervento al Senato, il premier si è tolto molti sassolini dalle scarpe nei confronti del “suo” ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini, gettando le basi per una sua ricandidatura a capo di una nuova maggioranza. “Old wine in new bottles”, dice un proverbio inglese, non fa molta differenza. Ma le parole e gli impegni del “nuovo” Conte sono stati sufficienti a far inghiottire ai democratici l’amaro boccone della non discontinuità alla testa del governo.

Esteri ed Europa, più garanzie malgrado Di Maio

Scorrendo la lista dei ministri, a cominciare dai dicasteri più importanti, le discontinuità si vedono. Il capo politico del M5s Luigi Di Maio va agli Esteri, al posto di un ministro di garanzia come Enzo Moavero Milanesi. Affidare la Farnesina a un a un esponente di punta di un movimento come i cinquestelle che hanno spesso formulato posizioni ondivaghe in politica estera può sembrare un azzardo. Ma – altra discontinuità – almeno la collocazione europea dell’Italia dovrebbe essere tutelata dalla presenza di Roberto Gualtieri all’Economia e di Vincenzo Amendola agli Affari europei – politici democratici con una solida esperienza di lavoro sui dossier dell’Europa – e con l’ulteriore tassello della indicazione dell’ex-premier Paolo Gentiloni a commissario europeo. In ogni caso, specialmente in un mondo globale, la politica estera la fanno i primi ministri, non i ministri degli Esteri. È dunque facile che sia Conte a dettare la linea sulla politica estera dell’Italia, mettendo gradualmente in soffitta il folklore barricadero dei cinquestelle. E con una squadra estera così composta, è anche legittimo attendersi che le nuove (eventuali ma probabili) richieste di flessibilità di bilancio saranno strutturate e istruite senza i tanti strappi e scossoni che hanno caratterizzato l’esecutivo precedente, anche approfittando della nuova aria che tira sia alla Commissione di Ursula von der Leyen che alla Banca centrale europea di Christine Lagarde.

Leggi anche:  Riformare il capitalismo si può. Ma come?

La politica in via XX Settembre, le infrastrutture al Pd e nuovi nomi M5s alle politiche sociali

Un mix di continuità e discontinuità riguarda anche i ministeri economici e sociali. Con Gualtieri torna un politico all’Economia. Può essere una buona cosa, se non altro perché la storia degli ultimi dieci anni ha mostrato che la spending review non la può fare un tecnico: per quanto bravo, un tecnico può solo stilare una lista di cose da fare, ma poi è la politica (che deve prendere i voti) che se ne deve far carico, fissando priorità e spiegandole all’elettorato. Se no, non si va da nessuna parte. Il rischio è che la coalizione giallorossa produca tendenze che vanno in tutt’altra direzione, cioè verso un aumento della spesa pubblica. Ma se ciò avverrà, meglio che ci sia un politico a prendersene la responsabilità, anziché un tecnico a fare da comodo parafulmine. Sempre sull’economia, al Pd sono andate Infrastrutture e Trasporti. La nomina di Paola De Micheli – che sarebbe stata meglio impiegata allo Sviluppo economico o all’Agricoltura – offre alle aziende un’implicita garanzia di correzione di rotta rispetto all’entusiasmo inconcludente e dannoso dell’era Toninelli. Cambi in vista anche ai ministeri dello Sviluppo economico e del Lavoro, rimasti al M5s. Forse, spostato Di Maio ad altro incarico, i nuovi ministri – l’ingegner Stefano Patuanelli e la formatrice Nunzia Catalfo – potranno apportare nei rispettivi ruoli le correzioni necessarie alla politica industriale caotica del precedente governo e gli aggiustamenti opportuni per migliorare i risultati sul mercato del lavoro del reddito di cittadinanza. Se invece il capo politico dei cinquestelle continuerà a far pesare la sua linea di discrezionali atteggiamenti anti-impresa, per crescita e lavoro saranno dolori.

Una tecnica agli Interni e tornano pari opportunità e innovazione

Infine, ma certo non ultime in ordine di importanza, ci sono due discontinuità che riguardano la cruciale area dei diritti individuali e civili. Avere una ex prefetto (Luciana Lamorgese) al posto di un ministro che bollava come “zecche dei centri sociali” chi lo contestava nei comizi ristabilirà al Viminale quella posizione di maggiore terzietà necessaria al sereno svolgimento dei delicati e difficili compiti del ministero dell’Interno, prima di tutto in tema di controllo dei flussi e accoglienza degli immigrati. E poi ci sono altri due graditi ritorni. Al riesumato ministero dell’Innovazione è stata opportunamente destinata un’altra new entry – Paola Pisano – che ricopriva lo stesso ruolo nella giunta torinese di Chiara Appendino. E il ritorno del ministero delle Pari opportunità e della Famiglia potrà far ricominciare la strada di affermazione dei diritti individuali e sociali di tutti (non solo delle maggioranze, ma anche delle minoranze) che era stata interrotta con la presentazione del decreto Pillon – mai approvato – e con la peraltro largamente inconcludente reggenza del ministero della Famiglia da parte del ministro Lorenzo Fontana e – per un periodo più breve – di Alessandra Locatelli.

Leggi anche:  Tutela della salute o dell’economia? Italiani confusi*

Nel complesso, nel governo Conte bis le discontinuità ci sono e in quantità e qualità sufficienti da soddisfare i due principali azionisti della coalizione, cioè Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti. Se le discontinuità realizzate saranno davvero efficaci e gradite ai veri destinatari, cioè i cittadini-elettori, dipenderà largamente dal programma dell’esecutivo, di cui per il momento si conoscono solo generiche linee programmatiche sostanziate in una lista di 26 punti che dovranno diventare rapidamente idee concrete.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Niente slogan ma armi efficaci contro l’evasione

Successivo

Mano leggera dell’Antitrust sulle violazioni di Ferrovie

12 commenti

  1. Savino

    La principale discontinuità è l’abbandono dell’antagonismo quale metodo di governo. Col fallimento dei gialloverdi è fallita l’idea di cambiare l’Italia con la sola protesta. Qui gli interventi di Grillo e Renzi sono stati decisivi, poichè nè i vaffa nè le rottamazioni erano previsti ad oltranza, conditi da patriottismo sterile, nella escalation cui ci aveva portato Salvini. Che il tempo della protesta sia finito ora dovranno capirlo gli italiani, cui pronostico che questo governo non “garberà”, poichè sarà un governo che porrà maggiore attenzione ai giovani, all’uguaglianza, alle opportunità, all’innovazione, poichè farà presente che tutti debbono adempiere nella disciplina fiscale, poichè intenderà interdire sperperi, ruberie e orticelli coltivati nel mare magnum della burocrazia, poichè riprenderà il filo della politica estera in senso europeista e atlantista. Gli italiani, che in questa fase storica le hanno sbagliate tutte ogni volta che si sono recati alle urne, per il loro egoismo e la loro ignoranza, ed erano prontissimi a votarsi il loro Salvini, eroe di Milano Marittima e sbandieratore improprio di rosari, hanno già bollato l’appena costituito esecutivo come “servo sciocco di Bruxelles” e “governo delle tasse”. In realtà, esso dimostrerà come il primo problema non è la casta politica, ma la casta sociale borghese italica, di chi conserva ferocemente ricchezze e privilegi in sovrapiù, a discapito degli altri, dei giovani in particolare.

    • Paolo

      Sara’ un governo? Io direi che se tutto va bene potra’ forse essere un governo.
      Molte delle buone intenzioni del programma sono cosi’ vaghe e generiche che andrebbero bene per qualsiasi partito o coalizione e non mi sembra che il M5S e il PD abbiano dato grandi prove di cambiamenti radicali o di particolare efficacia nei governi precedenti

  2. Henri Schmit

    Le vere discontinuità positive sono il MEF e gli interni, nonché l’esclusione di alcuni personaggi rivelatisi particolarmente inetti. Di Maio si è semplicemente garantito il futuro dopo il secondo mandato, ma può fare solo danni alla Farnesina che per fortuna funziona anche senza di lui. Il candidato alla Commissione è degno ma non conterà niente in quanto anche il Berlaymont funziona al 99% a prescindere da chi occupa le prime poltrone. L’anello debole del governo è il Presidente del Consiglio: come può un uomo debole, vanitoso, mediocre, opportunista, incostante, senza convinzioni, senza conoscenza e senza comprensione del mondo, svolgere le responsabilità sancite all’articolo 95 comma 1 della Costituzione? Non sono parole scritte alla leggera. Una cosa è sicura: la prima esperienza in quel ruolo è stata catastrofica, proprio per mancanza di autorevolezza al vertice. Perché dovrebbe cambiare ora? Perché gli esponenti del PD non sono come quelli della Lega e perché i 5S hanno imparato per non commettere troppo facilmente gli stessi errori? Speriamo, ma la configurazione non è per nulla rassicurante; il prezzo dell’errore si conoscerà col tempo.

  3. Asterix

    Muore un economista indipendente e sorge un politico… Ma a Lei e Cottarelli neanche un posticino da sottosegretario ?? Che ingrati..

    • Francesco Daveri

      grazie del pensiero ma il mio lavoro alla Bocconi è già abbastanza impegnativo ed è tutto quello che mi piace fare.

  4. robyt

    a me sembra una ammucchiata di mezze figure, figuranti e pochissimi attori professionisti della politica. ovvero la carne da cannone mandata in fronte alla prima linea, mentre i gerarchi stanno rintanati nei bunker delle retrovie ad aspettare la prossima mossa fra mille nemici e traditori. però una squadra così ideologicamente e culturalmente distante, unita solo da un buon flusso di soldi in entrata nelle proprie tasche, non potrà di certo nuocere all’esterocrazia, e in questo i segnali di fumo sono stati inequivocabili. uno dei governi italiani più deboli della storia del dopoguerra, universalmente gradito un po’ a tutti quelli che hanno qualche interesse da spartirsi.

  5. Giampiero

    “ma poi è la politica (che deve prendere i voti) che se ne deve far carico, “. Parole sante!. Certo far partire un Governo di tale fatta, dando per scontato che i conti con la politica si faranno a fine legislatura mi pare, a dir poco, un azzardo.

    • francesco daveri

      Caro Giampiero, i conti con i governi si fanno lungo la strada, giorno per giorno, e a fine legislatura (se ci arrivano, se no prima!). In ogni caso, la redazione de lavoce seguirà passo passo le proposte e i provvedimenti in modo puntuale e con il consueto spirito critico. Grazie.

  6. Antonio Carbone

    “Il Presidente del Consiglio dei Ministri dirige la politica generale del Governo e ne è responsabile. Mantiene l’unità di indirizzo politico ed amministrativo, promuovendo e coordinando l’attività dei Ministri.” É l’articolo 95, comma 1 della Costituzione che citava Henri Schmit nel suo commento, chiedendosi come potrà una persona come Conte svolgere tali compiti!? Dopo l’anno “bellissimo” che ha regalato all’Italia!? Aggiungo io.
    Non a caso il PD aveva tentato di porre un veto sul suo nome. Infatti, il Conte di pochi mesi fa, per ingraziarsi i suoi danti causa, affermava in parlamento:
    “metteremo fine al business dell’immigrazione, cresciuto a dismisura sotto il mantello di una finta solidarietà.”
    Il Conte di oggi, atteggiandosi a statista, ha detto in Aula: “I cittadini attendono da noi un supplemento di umanità”. Poi ha citato l’ex Presidente Saragat: “Che il volto di questa Repubblica sia un volto umano”…….
    Davvero senza vergogna.

    • Savino

      E l’unico ministro dell’interno della storia privo di sobrietà, di senso delle istituzioni e con account sui social cosa ha fatto? Oggi c’è più sicurezza o meno sicurezza (in tutti i sensi) di 14 mesi fa?

      • Antonio Carbone

        Difatti, l’avvocato del popolo Conte è stato il perfetto sodale di quel figuro che abbiamo avuto agli Interni!
        Ricordo a tutti quelli che fanno finta di non vedere chi abbiamo e abbiamo avuto come presidente del consiglio, che i cosiddetti “decreti sicurezza” portano la formula: “Su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri e del Ministro dell’interno”.
        Il nostro paese, per ritrovare la dignità che meriterebbe, non può affidarsi a piccoli opportunisti! Capisco che nella situazione attuale è chiedere troppo, ma abituarsi al peggio porta alla rassegnazione (il sentimento giusto per far crescere questi personaggi).

        • Savino

          Proporrei di denominare, come si faceva ai tempi dello statuto albertino, il Governo Conte I come Governo Conte-Salvini. Diciamo anche che il contratto era pieno di clausole vessatorie che hanno prodotto squilibri ai danni, in questo caso, dei cittadini.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén