logo


  1. Paolo Rispondi
    Segnalo un vizio di forma molto diffuso ma che ha l'effetto di alterare la percezione dei fatti del lettore medio. Sarebbe sempre corretto parlare, in questi casi, non di rallentamento (perché di rallentamento non si tratta), ma di diminuzione del tasso di crescita. Leconomia cinese continua a crescere, e non di poco (oltre il +6%), è la velocità con cui lo fa a "rallentare", in fisica si parlerebbe di riduzione dell'accelerazione. Non credo sia una banale questione formale e come si affermassimo che un'automobile lanciata a 100 km/h dopo aver aumentato la sua velocità a 110 km/h successivamente la abbia ulteriormente incrementata a 115 km/h. Evidente che il secondo incremento è notevolmente inferiore al primo ma nessuno affermerebbe che quell'auto sta rallentando.