logo


  1. Marisa Manzin Rispondi
    CI voleva pochissimo per capire che l'elevamento del forfetario a 65 mila avrebbe favorito il massiccio uso di questo regime. Una volta inseriti poi, nessuno uscirà finché la lagge non cambierà. Il "buco" per il fisco italiano si farà sentire Frau un paio d'anni. E ci vuole pochissimo per capire che se si vuoel combattere il nero, si doveva Procedere al contrario: obbligare tutti a tenere la Partita doppia con tutti i giustificativi e a presentare un bilancio annuale.
    • Carlo Rispondi
      Il buco per il fisco non sarà fra due anni ma c'è già: le ritenute dei lavoratori autonomi sono diminuite di 149 milioni a febbraio (primo mese in cui si versano le ritenute del 2019) e di 103 milioni a marzo mentre l'effetto sull'IVA ancora non c'è perché la fattura elettronica ha avuto successo (a marzo ben 362 milioni in più di Iva derivante dagli scambi interni rispetto a marzo 2018).
  2. andrea Rispondi
    Esistono delle stime sulla perdita di gettito fiscale legato a queste partite iva? Non potendo più portare in detrazione i costi e scaricare l’iva non hanno interesse a chiedere fattura ai propri fornitori
    • Carlo Rispondi
      E non hanno interesse a spendere e a spandere: siccome vengono tassate come le famiglie, cioè i costi non hanno rilevanza, tali partite iva cercheranno di spendere il meno possibile. Quindi meno smartphone, meno computer, meno pubblicità e omaggi, meno pranzi e spese di rappresentanza, meno autoveicoli commerciali e non, in poche parole l'economia girerà di meno e soprattutto meno IVA incassata sui consumi interni
  3. Carlo Rispondi
    La cancellazione dei vincoli nei confronti dei dipendenti e pensionati è giusta, perché prima un dipendente con 40.000 euro di reddito non poteva usufruire del regime mentre un amministratore di srl con 20.000 euro di compensi e 200.000 euro di dividendi ne poteva usufruire.
  4. enzo Rispondi
    Tempo fa si parlava di limitazioni , in particolare la partita iva non poteva avere un solo cliente. E'così? esistono controlli sul rapporto partite iva/ex dipendenti e precedenti datori di lavoro? oppure la nuova partita iva viene fatta fatturare al cliente dell'ex datore di lavoro?
  5. Mario Sette , 10.11.1938 età 10.11.38 Rispondi
    In Italia le tasse le pagano giuste sempre quelli, dipendenti e pensionati,quelli pagano per quelli che rubano ed evadono . Il padreterno del sapere , più chiaccherare che sapere (SILVIO) consiglia unica percentuale irpef al 27% così i poveri sopracitati le pagano anche per il pluri decorato dai tribunali SILVIO che salirà sen'altro gli altari della Beatitudine con le Sue Idee profetiche :
  6. mario sette - Rispondi
    si parla tanto flat tax, certi in molti si iscriveranno alla part.Iva, così pagheranno meno tasse.I pensionati e tanti dipendenti pagheranno le decime,come sempre .
  7. radiologia Rispondi
    Tutto ciò descritto è facilmente riscontrabile nel settore sanitario privato che è pieno di false partite iva. Basta analizzare i profili di alcune figure professionali che del libero professionista autonomo non hanno nulla: tecnici di radiologia, infermieri, tecnici di laboratorio ecc tutti con turni, orari, esami, macchinari e pazienti del committente. Come è facile trovare anche "collaboratori" pensionati o cooperative esterne. Nella sanità privata c'è bel riscontro!