Lavoce.info

Cosa c’è dietro il boom delle partite Iva a forfait

Nel primo trimestre sono state aperte più di 100 mila partite Iva in regime forfettario. È presto per conclusioni definitive. Ma i primi dati sembrano indicare che le nuove norme hanno già portato alla sostituzione di lavoratori dipendenti con autonomi.

Aumentano le partite Iva in regime forfettario

In un articolo di otto mesi fa mettevamo in evidenza la disparità di trattamento, rispetto alla tassazione del lavoro dipendente, della flat tax – che sarebbe poi stata realizzata attraverso l’ampliamento del regime forfettario delle partite Iva istituito dalla legge di bilancio 2019.

Prevedevamo che avrebbe portato a una sostituzione dei lavoratori dipendenti con quelli autonomi, che in realtà si è concentrata sulle nuove assunzioni, visto che nel frattempo è stato aggiunto un vincolo sui dipendenti esistenti. Avevamo ipotizzato, inoltre, lo “spacchettamento” delle strutture professionali organizzate in forma associata e societaria a favore della forma singola in regime forfettario (magari lasciando sopravvivere la società di servizi, in modo da poter detrarre l’Iva e aggiungere la deduzione analitica dei costi in capo alla società a quella forfettaria per le persone fisiche). I dati recentemente diffusi dall’Osservatorio sulle partite Iva del ministero dell’Economia e delle Finanze, riferiti al primo trimestre 2019, seppur parziali, offrono alcune significative indicazioni.

Cosa dicono i dati del primo trimestre

Diciamo subito che non siamo in grado di sottoscrivere né l’interpretazione “buonista”, che sostiene che le nuove partite Iva forfettarie sono dovute all’emersione dal nero o alla riconversione a lavoro autonomo di lavoratori dipendenti licenziati, né quella più critica, che le identifica come comportamenti elusivi. Per farlo dovremmo disporre di dati ben più dettagliati. A supporto della seconda tesi si possono però fare alcune considerazioni. Il dato più rilevante è, senza dubbio, il boom delle aperture di partite Iva in regime forfettario: passano da 74.647 del primo trimestre del 2018 a 104.456 nello stesso periodo del 2019, con un aumento del 40 per cento.

Tabella 1

Se confrontiamo il dato con la media dei tre anni precedenti (2016-2018), sempre riferita al primo trimestre, l’aumento è ancora più rilevante: 52,6 per cento in più.
Se nei prossimi tre trimestri le nuove aperture di partita Iva in regime forfettario si distribuissero, rispetto al primo trimestre dell’anno, nella stessa proporzione del 2018, a fine 2019 ne avremmo oltre 273mila (a cui si aggiungono i passaggi da regime ordinario a forfettario).
Il dato sembra coerente con le ipotesi formulate sulla platea dei soggetti potenzialmente interessati. Il punto è se aggiungere (almeno) 300mila nuove partite Iva forfettarie a uno stock di circa 900mila già presenti grazie alle vecchie norme possa avere effetti negativi nel mercato del lavoro e possa favorire comportamenti elusivi.
In attesa dei dati dell’Osservatorio del precariato Inps per il mese di marzo, la sostituzione tra assunzioni di lavoratori dipendenti e partite Iva è suffragata dal fatto che, rispetto allo stesso periodo del 2018, i mesi di gennaio e febbraio 2019 hanno registrato un calo del 12,8 per cento delle attivazioni di nuovi rapporti di lavoro dipendente. Impossibile dire come sarebbe andata senza la mini flat tax e il decreto dignità, ma sembra certo che la contestuale riduzione delle attivazioni dei rapporti di lavoro dipendente e l’aumento delle aperture di partite Iva forfettarie inverta il trend rilevato negli anni precedenti.

Leggi anche:  Professione: giudice tributario

Il rischio è la crescita del fenomeno delle false partite Iva anche nei segmenti più qualificati del lavoro. La qualità dei dati disponibili (il dato dei forfettari non è disaggregato) non ci consente di individuare le tipologie di attività più interessate dal fenomeno. Tuttavia, vi è una correlazione molto interessante tra incremento dei forfettari e incremento delle partite Iva nei settori dove il regime forfettario è più conveniente (attività intellettuali che richiedono costi di esercizio molto limitati, vedi tabella 2) e può prestarsi più facilmente agli abusi (la sostituzione del lavoro dipendente con false partite Iva è più agevole nelle attività dove la componente intellettuale è predominante rispetto a quella manuale).

Tabella 2

A ciò si accompagnano altri due effetti negativi. Il primo è una ulteriore frammentazione del mercato dei servizi professionali. Il dato dei forfettari è infatti particolarmente significativo se lo leggiamo insieme al calo delle aperture riferite alle forme aggregative: società di persone e di capitali complessivamente registrano una diminuzione di oltre il 30 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018. È molto probabile, quindi, che nei settori interessati si stia verificando una traslazione da forme aggregative organizzate a partite Iva singole in regime forfettario, con grave danno alla produttività del comparto.

Il secondo è un incentivo al “doppio lavoro” da parte di dipendenti e pensionati. Non si può infatti escludere una correlazione tra incremento dei forfettari e aumento percentuale particolarmente marcato dell’apertura di partite Iva da parte di persone fisiche ultracinquantenni e ultrasessantacinquenni (vedi tabella 3). Il nuovo regime scaturito dalla legge di bilancio 2019 cancella i vincoli imposti da quello previgente nei confronti dei percettori di redditi di lavoro dipendente e assimilati e li affranca dal cumulo dei redditi prodotti nell’esercizio di attività svolte con partita Iva, premiandoli con l’applicazione di un’imposta sostitutiva del 15 per cento (ridotta al 5 per cento per i primi cinque anni) invece dell’aliquota marginale Irpef.

Leggi anche:  Tassazione delle multinazionali, il sentiero stretto dell'Ocse*

Tabella 3

Probabilmente è prematuro emettere giudizi, ma si intuisce una direzione di marcia, incentivata dalla norma. Per dirla con Agatha Christie: «Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova».

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molti altri siti di informazione, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Il Parlamento è europeo, le leggi elettorali no

Successivo

Se nei programmi dei partiti l’Europa diventa un bancomat

  1. radiologia

    Tutto ciò descritto è facilmente riscontrabile nel settore sanitario privato che è pieno di false partite iva.
    Basta analizzare i profili di alcune figure professionali che del libero professionista autonomo non hanno nulla: tecnici di radiologia, infermieri, tecnici di laboratorio ecc
    tutti con turni, orari, esami, macchinari e pazienti del committente.
    Come è facile trovare anche “collaboratori” pensionati o cooperative esterne.
    Nella sanità privata c’è bel riscontro!

  2. mario sette -

    si parla tanto flat tax, certi in molti si iscriveranno alla part.Iva, così pagheranno meno tasse.I pensionati e
    tanti dipendenti pagheranno le decime,come sempre .

  3. Mario Sette , 10.11.1938 età 10.11.38

    In Italia le tasse le pagano giuste sempre quelli, dipendenti e pensionati,quelli pagano per quelli che rubano ed
    evadono . Il padreterno del sapere , più chiaccherare che sapere (SILVIO) consiglia unica percentuale irpef al
    27% così i poveri sopracitati le pagano anche per il pluri decorato dai tribunali SILVIO che salirà sen’altro
    gli altari della Beatitudine con le Sue Idee profetiche :

  4. enzo

    Tempo fa si parlava di limitazioni , in particolare la partita iva non poteva avere un solo cliente. E’così? esistono controlli sul rapporto partite iva/ex dipendenti e precedenti datori di lavoro? oppure la nuova partita iva viene fatta fatturare al cliente dell’ex datore di lavoro?

  5. Carlo

    La cancellazione dei vincoli nei confronti dei dipendenti e pensionati è giusta, perché prima un dipendente con 40.000 euro di reddito non poteva usufruire del regime mentre un amministratore di srl con 20.000 euro di compensi e 200.000 euro di dividendi ne poteva usufruire.

  6. andrea

    Esistono delle stime sulla perdita di gettito fiscale legato a queste partite iva? Non potendo più portare in detrazione i costi e scaricare l’iva non hanno interesse a chiedere fattura ai propri fornitori

    • Carlo

      E non hanno interesse a spendere e a spandere: siccome vengono tassate come le famiglie, cioè i costi non hanno rilevanza, tali partite iva cercheranno di spendere il meno possibile. Quindi meno smartphone, meno computer, meno pubblicità e omaggi, meno pranzi e spese di rappresentanza, meno autoveicoli commerciali e non, in poche parole l’economia girerà di meno e soprattutto meno IVA incassata sui consumi interni

  7. CI voleva pochissimo per capire che l’elevamento del forfetario a 65 mila avrebbe favorito il massiccio uso di questo regime. Una volta inseriti poi, nessuno uscirà finché la lagge non cambierà. Il “buco” per il fisco italiano si farà sentire Frau un paio d’anni.
    E ci vuole pochissimo per capire che se si vuoel combattere il nero, si doveva Procedere al contrario: obbligare tutti a tenere la Partita doppia con tutti i giustificativi e a presentare un bilancio annuale.

    • Carlo

      Il buco per il fisco non sarà fra due anni ma c’è già: le ritenute dei lavoratori autonomi sono diminuite di 149 milioni a febbraio (primo mese in cui si versano le ritenute del 2019) e di 103 milioni a marzo mentre l’effetto sull’IVA ancora non c’è perché la fattura elettronica ha avuto successo (a marzo ben 362 milioni in più di Iva derivante dagli scambi interni rispetto a marzo 2018).

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén