logo


  1. tommaso Rispondi
    Sono in totale disaccordo con la visione che ispira questo articolo, e nello specifico sui punti fattura elettronica (consulenze ok, ma anche grande semplificazione e spinta alla modernizzazione irraggiungibile altrimenti) e valutazione edifici (come può un povero inquilino sollecitare un controllo prima di vedere una crepa larga un braccio, ossia magari 2 gg. prima del crollo?). Ma come dicevo sono in disaccordo con la visione generale: la mancanza di controlli obbligatori uccide! A parte diversi crolli di edifici verificatisi per la autocertificazione di lavori pesanti di ristrutturazione, come esempio eclatante basta vedere le vicende dei morti dei due Boeing 770 Max 8, che sono morti perché la FAA non deve più fare test (ed è stata depotenziata). Un plastico esempio di fallimento del mercato lasciato troppo libero: è ora di dire basta con la deregulation indiscriminata!
  2. Michele Sacerdoti Rispondi
    Ottimo articolo che condivido pienamente.
  3. Rosario Nicoletti Rispondi
    Ci risiamo. Questa "furbata" era già comparsa per Roma anni fa. Come un fiume carsico, ricompare di tanto in tanto. L'inutilità è sicura; così come è sicura la felicità di ingegneri ed architetti che possono certificare il nulla.
  4. U G-M Tamburini Rispondi
    Dissento: la proliferazione -non solo domestica- di autorita' di competenti nel trattamento della pelle di quella parte del corpo umano che permette all'ufficiale di stato civile di barrare la casella M, ha sottratto ai veri responsabili il dovere di provvedere 'perentoriamente' alla bisogna, dando adito all'apertura di tante diversioni inappropriate che l'ordinamento e' lieto di affrontare, pavoneggiandosene. Se la PA operasse in temini perentori e la magistratura si rendesse conto che il suo dovere primario non consiste nel perseguire casi che -altrove- sono stati trascurati, tanto vero che uno degli attori e' fin addivenuto alla massima carica cui un cittadino possa ambire e puntasse al fatto e non alla formalita' ci sarebbero -faccio per dire- meno viadotti crollati prima del 14/08/2018, meno crloli sul Lungotevere e cosi' via Ma siamo nelle mani di chi parla di smartphones con la mente e la competenza di chi usa chiamare la signorina dell'interurbana