logo


  1. Davide Rispondi
    Analisi abbastanza limitata. Quanto descritto circa le ultime elezioni, in termini di analisi demografico-etnica, è più o meno quanto avviene da almeno 40 anni. Ho studiato i dati sulle elezioni presidenziali, e, mentre i bianchi, seppur con qualche variazione, avrebbero *sempre* dato la maggioranza ai repubblicani, gli immigrati (ispanici in primis) l'avrebbero *sempre* data ampiamente ai democratici, ed i neri *sempre* ai democratici con le proporzioni indicate nell'articolo (80/90%). Analisi anche abbastanza superficiale, perchè il vero tema è capire *perchè* questo accade. E la risposta, riscontrabile in tutti gli studi e le indagini demoscopiche sull'argomento, consiste in una chiara e fortissima correlazione tra etnia, presumibilmente per formazione culturale, e concezione ideologica dello stato. Ora, dato che gli Usa sono stati creati secondo certi principi, e sono diventati prosperi seguendo quei principi, creati, messi in pratica e difesi dalla maggioranza bianca, è evidente che i muri servano. Anzi, sono indispensabili per difendere le fondamenta della società, perchè l'immigrazione è ideologicamente più ostile ad essi di quanto comunemente creduto. Ma non solo: se queste oggi minoranze persisteranno in questo senso, come perfettamente esemplificato dalla Ocasio-Cortez, le tensioni etniche non potranno che esacerbarsi nei decenni a venire, con conseguenze ad oggi ignote ma potenzialmente drammatiche.
  2. Luca Ba Rispondi
    Se i numeri sono veri probabilmente il contraccolpo sugli interi USA sarà durissimo pensare che un simile cambiamento etnico non abbia ripercussione sociale è pura illusione. Probabilmente gli stati cominceranno a chiedere autonomia e determinate concessioni rispetto all'etnia prevalente per esempio se la maggioranza della popolazione di un singolo stato è ispanica perchè mantenere l'inglese come lingua amministrativa? Vedremo che succede ma penso che ai primi scricchiolii anche gli Usa cominceranno a fare una selezione durissima sull'immigrazione.
    • Davide Rispondi
      L'analisi è vera ed una trasformazione simile è iniziata dagli anni 90 anche in Italia ed in generale nell'Europa Occidentale. Il PD ha dato un forte contributo durante la precedente legislatura. L'obbiettivo è quello di cambiare la composizione della popolazione in modo da diluire le identità nazionali, creare ''cittadini del mondo'' e riparare presunti torti storici.