logo


  1. Henri Schmit Rispondi
    L'articolo è interessante. Quello del Sole24Ore riproduce un'interessante tabella dei flussi con l'estero, ma l'interpreta in modo fazioso: "gli investitori esteri hanno avviato un rapido sell-off di titoli, che ha accelerato nel mese di agosto (2018) in corrispondenza con le prime tensioni tra Commissione Europea e governo sulla manovra finanziaria per il 2019." Questa è una rappresentazione falsa dei fatti: lo spread si è allargato a dismisura da maggio quando si ipotizzavano ufficialmente i nomi dei ministri; la fuga dei capitali inziavava allora, aumentando in agosto. La NaDef è di fine settembre. Spread e fuga hanno toccato nuovi massimi fra ott. e nov. durante la discussione con l'UE e dopo il parere ignorato dell'upB. Non c'entra la Commissione, semmai troppo debole, troppo permissiva. Chi insinua il contrario, come l'autore di quel articolo, non va creduto. Non convince nemmeno l'affermazione rassicurante "che i proventi finanziari della vendita di BTP non hanno lasciato il Paese, ma c'è stato uno shift dei capitali dal settore pubblico a quello privato". Bisognerebbe indagare meglio e riuscire a distinguere flussi esteri da flussi esterovestiti; spiegerebbe alcune voci in apparenza lusinghiere. Un residente vende un'impresa a un gruppo straniero, investe il prodotto (la parte dichiarata) in un'assicurazione detassata che investe in prodotti finanziari esteri. Come appare nei conti pubblici? Senza investimenti privati, domestici e FDI, continuerà il declino.
  2. Savino Rispondi
    Gli investitori stanno assistendo, dalla tarda primavera del 2016 (5-6 mesi prima del referendum costituzionale) ad una perenne campagna elettorale, in cui, a livello politico, si sta giocando sporco sugli stracci del Paese e sulla pelle delle persone, che vogliono vivere, operare, lavorare. La politica tutta deve smetterla di essere un intralcio per la costruzione delle condizioni essenziali finalizzate al benessere ed alla prosperità. Si studi per comprendere ciò che manca per la crescita, anzichè improvvisarsi guru e stregoni.