logo


  1. Michele Rispondi
    La riforma cosi detta Fornero, frutto degli “esperti” ha fatto gravissimi danni: ingessato maggiormente il mercato del lavoro e creato il problema degli esodati (non previsto dagli ‘esperti’) che Dio solo sa quanto sia costato risolverlo. Abolirla è il minimo per cercare di risolvere problemi strutturali creati in decenni e decenni di politiche disastrose avvallate dagli “esperti”
    • Rick Rispondi
      Utile lettura qui https://www.lavoce.info/wp-content/uploads/2016/07/Rapporto-INPS-2016.pdf da pagina 116 per chiarirsi le idee sugli esodati (dopo otto salvaguardie parlare di esodati è ridicolo). Sui decenni di politiche disastrose forse le sfugge, tanto per fare un esempio, la montagna di lavori che gli 'esperti' (come li denigra lei) hanno scritto prima che la macroscopica differenza tra requisiti di pensionamento per i dipendenti pubblici e per quelli privati sia stata presa in considerazione da Amato (guarda un po' nel 1992). Differenza che ha generato tanta di quella spesa che si sarebbe potuta evitare che ne stiamo ancora pagando le conseguenze. O non vede le macroscopiche diseguaglianze tra generazioni che si stanno creando? Guardi che in un sistema a ripartizione se non c'è reddito da tassare può così sventolare la sua bandierina dei diritti: nessuno le paga la pensione o la sanità.
  2. Giovanni Rispondi
    Il mettere un temine di tre anni per la validità del provvedimento avrà l'effetto di spingere ad un'uscita anticipata, nel timore di rimanere poi intrappolati. Inoltre il requisito dei 38 anni danneggia coloro che non hanno continuità di rapporto, che sono spesso coloro che svolgono i lavori più faticosi, come ad esempio gli edili.
  3. Dario Rispondi
    Ho la netta impressione che le fette di prosciutto dagli occhi dovrebbe togliersele lei: a) l'INPS non è in attivo, dato che il bilancio preventivo per il 2018 prevedeva un disavanzo di 7,581 miliardi b) l'INPS sta in piedi e riesce ad erogare le pensioni perché riceve trasferimenti dallo Stato che sono stati pari, nel 2018, a 108 miliardi e 379 milioni. Questi non coprono soltanto l'"assistenza" (e men che meno le pensioni dei giornalisti, che sono pagate dall'INPGI e non dall'INPS!), ma soprattutto lo sbilancio di ben 55 miliardi e 973 milioni fra i contributi previdenziali incassati (227 miliardi e 342 milioni) e le pensioni erogate (283 miliardi e 315 milioni). Poi siamo tutti d'accordo, credo, che 40 anni di lavoro non sono pochi e che per la maggioranza delle persone il lavoro è fatica e sacrificio, ma questo non significa che si debbano chiudere gli occhi di fronte ai reali problemi di sostenibilità del sistema previdenziale italiano.
    • sap Rispondi
      Caro Sig. Dario, DIMENTICHIAMO tutti una cosa fondamentale: LO STATO NON VERSA UN EURO DI CONTRIBUTI PER I SUOI 3,5 MILIONI DI DIPENDENTI!!!!!!! l'INPS, prima dell'accorpamento INPDAP con INPS deciso da Monti, era in attivo di ben 11 miliardi. Le pensioni vengono pagate solo dai versamenti dei privati. Il problema è tutto qui. Cordialmente.
  4. Giuseppe Rispondi
    Vorrei porre in evidenza come nell'articolo, l'autore metta in risalto l'aspetto quasi sessista del provvedimento, lasciando intendere che la misura sia stata studiata per agevolare gli uomini rispetto alle donne. Non credo che ciò sia vero. Ritengo piuttosto che il fatto sia del tutto casuale e che la "quota cento" sia un provvedimento che abbia tanto di propagandistico e poco di razionale. Tuttavia, perché non parlare allora delle agevolazioni che hanno avuto le donne in questi anni andando in pensione prima degli uomini, pur avendo un aspettativa di vita più lunga? Chi ha pagato la differenza? E l'opzione donna cmq rimane una misura ad hoc per un solo genere. Non credo che le donne abbiano bisogno di difensori in questa materia.
  5. Emilio Rispondi
    Mi chiedo come negli anni passati quando si andava in pensione molto prima e le donne anche 5 anni prima nonostante una aspettativa di vita più lunga di 5 anni nessuno tirava fuori questi discorsi anzi tutti i governi di entrambi i Lati altro non hanno fatto fino al 2011 che posticipare una riforma che qualcuno voleva attuare già nel 1994 .... hanno tutti improvvisamente cambiato idea dopo aver consentito l’uscita prematura di tanti fortunati diventati grazie a una nostra particolare tutela di giudizio (che ad es. in Grecia non valse ...) per i cd diritti quesiti ??
  6. Savino Rispondi
    Solito prepensionamento con scivolo per i soliti privilegiati (statali). Da baby boomers a baby pensionati il passo è breve. Certe categorie sociali continuano ad avere vita facile, sia per trovare lavoro, sia per andare in pensione. I cervelli in fuga continuano a fare i secchioni e ad essere insultati per questo, mentre, certi asini, una mattina si sono svegliati col lavoro pronto ed un'altra mattina lo hanno fatto con la pensione pronta. Per favore, non chiamatelo "cambiamento". L'idea che hanno gli italiani di "cambiamento" riguarda solo la loro tasca, ma non il destino del Paese e dei giovani.
    • Paolo Rispondi
      Soliti luoghi comuni dell'articolista e del commento. 40 anni di lavoro vi sembrano pochi? Il tutto senza mai nominare i conti veri dell'INPS, paragonandoli agli altri paesi europei. L'INPS è in attivo e finanzia l'assistenza nonché le casse dei 'ricchi': manager, giornalisti, coltivatori diretti per non parlare di politici e sindacalisti. Toglietevi le fette di prosciutto dagli occhi.
      • Savino Rispondi
        Sig. Paolo, il popolo italiano adulto non riesce proprio a comprendere che le sue commedie all'italiana si stranno trasformando in tragedie greche per le future generazioni.
        • Gianni Rispondi
          Non capisco cosa L autore intenda per costo. Se si va in pensione prima con una pensione più bassa si concretizza un risparmio e non un costo.
      • amadeus Rispondi
        Lei ha dei problemi non indifferenti con la matematica. Studi, rifaccia i calcoli (senza parlare per sentito dire) e poi vedrà se l'INPS è in attivo.
        • Gianni Rispondi
          Dice a me? Allora mi calcoli lei il costo della operazione, altrimenti si astenga dal parlare per sentito dire.
          • ARIANNA
            In linea di massimo il costo è questo: se lei va in pensione un anno prima si perdono i suoi contributi per quell'anno (facciamo X). Inoltre va pagata la sua pensione per un anno in più (identifichiamola come Y). E' vero che se le viene decurtata la pensione negli anni successivi alcuni costi si recuperano ma se non si recupera X+Y la perdita è netta. Con la nuova legge si recupera solo X e non Y. Infine il bilancio Inps 2018, è dato in negativo per 5 miliardi e 411 milioni e peggiora di 1 miliardo e 224 milioni rispetto all’anno precedente. Questo è quanto ho capito io ma non ho la presunzione di essere infallibile .....