logo


  1. Henri Schmit Rispondi
    Per me l’articolo è molto istruttivo; mi sembra pure neutro ed obiettivo. Vedo però un problema a monte di quanto discusso. Paragonando la democrazia nelle regioni a quella nei Länder tedeschi e nei cantoni svizzeri, l’Italia mi sembra molto in deficit, dalla riforma Tattarella degli anni 90, usata poi da Berlusconi e da Renzi per replicarla al livello nazionale. Un altro problema è la pessima devolution con la riforma dell’articolo V nel 2001. L’ultimo progetto di revisione intendeva giustamente correggere gli errori, ma è stato bocciato per altri motivi. Senza vera democrazia (trasparenza, controllo, responsabilità) sarà difficile migliorare altri aspetti del non-federalismo (abuso di parola). Il Trentino è un modello vincente anche perché ha saputo conservare autentiche forme democratiche.
    • bob Rispondi
      Il Trentino è un modello vincente anche perché ha saputo conservare autentiche forme democratiche. Mi perdoni che sappia Lei in Abruzzo c'è la dittatura?
      • Henri Schmit Rispondi
        No, ma la legge elettorale Tattarella ha sancito un basso livello di democraticità nelle regioni a statuto ordinario. Si tratta di un tipo di democrazia “ducale” del governatore, la quale in Lombardia per ssempio ha consentito la presenza nell’assemblea rappresentativa di una persona come la Minetti (conta più il ruolo nella cerchia privata dell’allora premier che non le altre caratteristiche) Provi ad informarsi come funziona in Germania e in Svizzera dove i Länder e i Cantoni sono autentiche democrazie. Provi a pensare se quello che abbiamo qua fosse in Sudamerica o in Africa, che cosa diremmo? (Rispondo con reticenza a commenti anonimi).
  2. Andrea Marini Rispondi
    Leggo tante critiche alle iniziative di maggior autonomia delle Regioni del Nord. Io da dipendente pubblici del Nord, dico che sono alibi di una classe dirigente e intellettuale che ritiene normale che sulla stessa funzione amministrativa al Nord siamo almeno un terzo di meno dei dipendenti del Sud e anche pagati di meno rispetto ai colleghi delle regioni a statuto speciale.
  3. Michele Rispondi
    I fatti dimostrano che il decentramento ha prodotto solo maggiore collusione e corruzione. A livello locale le cose peggiorano. Occorre rapidamente fare una completa marcia in dietro
    • Robin Hood Rispondi
      Quali fatti? Formigoni in Lombardia? Visto che parla di fatti, sa dirmi quanto pesa sulla spesa sanitaria lombarda le corruzione di Formigoni? Se lo ricorda Poggiolini o è troppo giovane? Può fare tutte le marce indietro che vuole ma i suoi servizi saranno sempre forniti a livello locale. E non arriveranno i marziani. Ci saranno gli stessi che vede oggi. E se sono dei babbei o dei corrotti rimarranno babbei o corrotti.
  4. Nicolò Rispondi
    Temo anche io che più federalismo significhi più stato e più spesa pubblica. Oggi la politica è promessa di spesa. In più bisogna considerare come funziona oggi la Pa che non è per nulla efficiente nemmeno nelle regioni del Nord ( vedi 118 posto del trentino in Europa. )
  5. vincenza Rispondi
    L'articolo è fuorviante. Il Veneto aveva inizialmente presentato una proposta di legge ma le trattative hanno preso tutt'altra piega.
    • Paolo Balduzzi Rispondi
      E' corretto: il Veneto aveva presentato questa proposta di legge subito dopo il referendum del 2017. Abbandonata in corso di trattative col precedente Governo, sarebbe stata ora riproposta come base per le nuove negoziazioni
  6. Savino Rispondi
    Da quando si parla incessantemente di federalismo è solo aumentata la corruzione. La gestione delle competenze sanitarie ha dimostrato che, dove prima mangiava uno solo (da condannare), ora ne mangiano in ventuno. Più autonomia delle Regioni a Statuto speciale non ci può essere, eppure le distorsioni hanno modificato profondamente il rapporto con i cittadini di quei territori anche in quelle aree.
    • Robin Hood Rispondi
      E chi l'ha detto che è aumentata la corruzione? Il sentimento popolare? Gli articoli di giornale di Sergio Rizzo? Meglio dire che si è contro il federalismo, si fa prima e si è più onesti. Sul punto "i cittadini devono ricevere gli stessi servizi ritenuti irrinunciabili su tutto il territorio nazionale" siamo quasi alle barzellette: cosa vuol dire? La qualità dei servizi dipende principalmente dai dipedenti pubblici che offrono il servizio e dalla qualità dell'ambiente nel quale si trovano ad operare: se ho assunto un incapace, sia che la gestione sia regionale sia che la gestione sia dello Stato, è sempre un incapace che mi offre il servizio. Se l'ambiente nel quale opera un dipendente onesto e laborioso è degradato il servizio farà comunque schifo, nonostante l'impegno del poveretto, che cercherà di andarsene appena può. L'eguaglianza la puoi scrivere in Costituzione ma per passare dalle parole ai fatti ci sono persone che fanno delle scelte.
      • Savino Rispondi
        Non mi pare oggi ci siano ambienti locali virtuosi. La Lombardia delle "spese pazze" di Renzo Bossi, Nicole Minetti ed altri notabili leghisti non mi pare un ambiente sano, cui affidare altre risorse per ingigantire la torta delle spartizioni. Malgrado il suo nickname, mi pare che il suo concetto di eguaglianza sia più simile a quello del Marchese del Grillo.
        • Robin Hood Rispondi
          Piccola storia a beneficio di chi non vuole capire: un neo-laureato trova un posto di lavoro nella amministrazione di una regione. Ha degli amici in altre regioni che gli parlano di programmi per la gestione della contabilità, ma lui non ne ha mai visto uno. Sa che le fatture le deve mettere in uno scatolone nel sottoscala. I suoi amici gli parlano di uffici e computer. Lui talvolta non ha nemmeno la sedia dove sedersi, perchè sono in tanti e non hanno postazioni a sufficienza. Non è nemmeno chiaro per lui cosa debba fare, quale sia il suo lavoro. I suoi amici hanno delle mansioni precise, lui no. Ma sta arrivando il cambiamento: il Parlamento modifica la Costituzione e adesso è a Roma che si deciderà tutto. Festa di piazza: saremo tutti uguali. Subito dopo il Parlamento vara una legge (che già c'è, ma questa è migliore) che impone a tutte le regioni di adottare il programma di contabilità X, il più avanzato. Ma nella sua regione i computer non sono in grado di reggere il programma X. Bisognerà cambiare i computer. Nell'attesa si assumono altri contabili per registrare le fatture perchè si è in emergenza. E si leggono sui giornali articoloni che nella regione R ci sono molti più amministrativi che in tutte le altre: spese folli nella regione R, bisogna cambiare. E' questa la sua eguaglianza? Se lo riveda il Marchese del Grillo; lei mi ricorda la scena del carbonaio.
          • Savino
            Anche in Lombardia (che fa finta di essere la più evoluta) le fatture le mettono in uno scatolone nel sottoscala.