logo


  1. bob Rispondi
    Il dopo-crisi non so se spazzera via le imprese cattive per fare posto a quelle buone. Qualsiasi Paese vive di mercato interno, io alla favola dell'Italia Paese esportatore ho sempre creduto poco e lo dico per esperienza personale avendo girato molta Europa. Poichè si parla in continuazione di evasione, l'evasione più pesante la fanno nei bilanci delle società e nel recupero dell'Iva da chi esporta (in certe parti ad Est del Paese ci sono "cartiere" a go-go). Io di auto Fiat in Europa ne ho sempre viste poche, e di prodotti italiani nei supermercati una minima percentuale.
    • Maurizio Cocucci Rispondi
      Gentile Bob potrà forse sorprenderla i dati 2012 relativi all'Export italiano e del saldo commerciale. Le riporto un estratto del comunicato Istat pubblicato lo scorso 23 Gennaio: "Nel 2012 il saldo commerciale è positivo per 2,1 miliardi di euro, era -20,5 miliardi nel 2011. Nel 2012 si rileva una significativa espansione delle vendite di beni ai paesi extra UE (+9,2%) e una contrazione degli acquisti (-3,9%). I mercati di sbocco più dinamici nel 2012 sono stati: OPEC (+24,6%), Giappone (+19,1%), ASEAN (+18,5%) e Stati Uniti (+16,8%)." Il tutto 'nonostante l'euro' mi verrebbe da dire.
      • bob Rispondi
        Cocucci le mi indica dati ISTAT ma i dati l' ISTAT li acquisisce da documenti per cui parliamo di numeri e di statistiche. Altrimenti facciamo come l' Agenzie delle entrate che dice di aver recuperato 12 miliardi dalla evasione (sulla carta) ma realmente ne recupera 1. La mia sia ben chiaro è una forzatura per sottolineare che senza mercato interno non si va da nessuna parte e quindi non possiamo rifugiarsi dietro la favoletta " va bene tanto esportiamo". Ha ragione il prof. Rovelli di Verona che sottolinea sul Sole 24 ore l'uso disinvolto della statistica a fini populistici e di bassa politica
  2. Giorgio D.M. Rispondi
    Interessante articolo sulle conseguenze disastrose della seconda recessione iniziata alla fine del 2011. Sulle cause non si dice nulla ma nella figura 1 compare stranamente lo spread: è un messaggio subliminale?
  3. Pingback: Perduto nella crisi » Il lavoro secondo Mario Monti (e la Sinistra)