logo


  1. Marco La Colla Rispondi
    Nelle promesse di Berlusconi, fatte solo a fini elettorali, si parala di una flat tax al 23% che, se effettivamente applicata, comporterebbe l'abolizione di una serie di detrazioni attualmente in vigore (spese sanitarie,interessi sui mutui, ecc.) che sono le principali utilizzate dalle famiglie. Ma se l'IRPEF applicata fosse già del 23%, questa riforma comporterebbe un aggravio notevole di costi, proprio per quei contribuenti con un reddito più basso. Sarebbe il caso di calcolare quanti contribuenti si troverebbero in tale condizioni e l'aggravio di costi che ne deriverebbe