Lavoce.info

Se i politici parlano solo ai pensionati

Le pensioni sono uno dei temi caldi della campagna elettorale. Tutte le forze politiche avanzano proposte di riforme e controriforme, specie sul nodo dell’età pensionabile, offrendo coperture spesso fantasiose. Nessuno invece si preoccupa dei giovani.

Le pensioni secondo il Pd

La campagna elettorale entra nel vivo e le forze politiche sbandierano promesse sui più svariati argomenti. Forse perché i giovani votano meno, mentre la fascia d’età dei lavoratori prossimi al pensionamento registra elevati tassi di partecipazione al voto e rappresenta un corposo bacino elettorale, le pensioni sembrano essere tra i temi più caldi del dibattito.

Nella sua ultima fase, il governo uscente si è mostrato sufficientemente lungimirante da non cedere alle pressioni di chi, da fuori e da dentro, proponeva di rimandare l’aumento dell’età pensionabile a non meglio specificati tempi migliori. Paolo Gentiloni ha infatti firmato la legge di bilancio che prevede, tra le altre novità, l’adeguamento dell’età pensionabile alle aspettative di vita come previsto dalla normativa vigente. Contestualmente, forse anche per mediare tra le esigenze di bilancio e quelle elettorali, il governo ha trovato i fondi per escludere dall’adeguamento le categorie che svolgono lavori gravosi, introducendo una leggera ma sacrosanta differenziazione delle età pensionabili per queste tipologie di lavoratori. La norma prevede inoltre l’estensione della platea dell’Ape social e uno sconto sui requisiti per le donne con figli e i lavoratori precoci.

Per esigenze di coerenza e credibilità, il Pd non propone per ora nessun cambio di rotta, limitandosi a promettere di proseguire sulla strada della flessibilità in uscita.

La controriforma del M5s

Luigi Di Maio, candidato premier del Movimento 5 stelle, propone invece di abolire tutta la legge Fornero, aumentare le pensioni minime a 780 euro ed estendere la pensione anticipata a tutti coloro che abbiano maturato 41 anni di contributi, tornando dunque a requisiti ancora più favorevoli rispetto a quelli che vigevano prima della vituperata riforma del 2011.

La popolarissima controriforma avverrebbe in due fasi: tagliando le pensioni d’oro, che a sua detta costerebbero allo stato italiano 12 miliardi l’anno, si finanzierebbe il ritorno ai vecchi requisiti per i lavori usuranti; mentre per le categorie di lavoratori residuali si agirebbe in una seconda fase, recuperando dai 50 miliardi di sprechi nel bilancio dello Stato. Sui 12 miliardi, il candidato premier si è mostrato molto sicuro, invitando un dubbioso giornalista a “controllare bene”, per poi essere fortemente contraddetto dal centro studi di Itinerari previdenziali, che ha spiegato che per ottenere un risparmio di 12 miliardi bisognerebbe eliminare del tutto gli assegni da 5 mila euro lordi in su. Tenendo conto che gli assegni non si possono certo azzerare, per ottenere un risparmio di 12 miliardi bisognerebbe tagliare drasticamente tutti quelli a partire dai 2.500 euro mensili, altro che pensioni d’oro. Difficile pensare che la Corte costituzionale possa ritenere la norma conforme ai “principi generali di ragionevolezza”.

Leggi anche:  Così la riforma Fornero fa crescere il lavoro delle donne*

Quanto alla seconda cifra, ammesso e non concesso che sia corretta, se le recenti esperienze dei commissari alla spending review ci hanno insegnato qualcosa, è certamente che tra il quantificare gli sprechi ed eliminarli c’è una sostanziale differenza. Insomma, sulle pensioni Di Maio sembra essere molto sicuro sul cosa fare, meno sul come farlo.

Le proposte di Lega e Forza Italia

Matteo Salvini, oltre all’abolizione della Fornero, propone di introdurre la possibilità di andare in pensione per tutti coloro che abbiano raggiunto quota 100 con la somma di anzianità contributiva ed età anagrafica; e per i lavoratori che abbiano maturato 41 anni di contributi, a prescindere dall’età. Le coperture proposte dalla Lega, appena presentate, arriverebbero in gran parte dall’eliminazione delle salvaguardie e dell’Ape social, resi inutili dall’abrogazione della legge Fornero, e dallo sblocco del turnover dei disoccupati, per un totale di quasi 10 miliardi. Il restante verrebbe invece raccolto per 200 milioni dal taglio delle pensioni d’oro e per 4 miliardi da non meglio definiti tagli alle risorse per l’accoglienza dei migranti, per un totale di circa 14 miliardi. Senza entrare nel merito della fattibilità ed eticità dell’ultimo punto, le coperture proposte, comunque non sufficienti, proverrebbero per il 70 per cento dall’eliminazione delle norme tampone collegate alla legge Fornero e dallo sblocco del turnover, cioè dal venir meno di costi collaterali della riforma, già inclusi peraltro nelle stime del costo della sua abolizione. Difficile dunque definirle coperture.

Silvio Berlusconi, alla sua settima campagna elettorale, dopo aver ricordato con qualche licenza poetica i suoi passati interventi per le pensioni più basse e ventilato l’istituzione del “ministero della Terza età”, propone di innalzare le pensioni minime a mille euro per tutti, lorde o nette per ora non è dato sapere. Per quanto riguarda le coperture, l’ex premier per ora non si premura nemmeno di inventarsele, si limita a stimare il costo in 7 miliardi. Per valutare la correttezza delle stime e la fattibilità della proposta, occorre attendere i dettagli e le coperture, certo è che quei 7 miliardi sembrano pochi per una riforma così ambiziosa: secondo Il Foglio, ad esempio, costerebbe 20 miliardi nell’ipotesi più conservativa.

Leggi anche:  Fine di Quota 100. E dopo?

Va infine ricordato che, in un sistema contributivo, anticipare il pensionamento implica una riduzione dell’assegno spettante. Se si vuole evitare che gli assegni erogati scendano al di sotto di una soglia di adeguatezza, e se si pensa addirittura di aumentare contestualmente le pensioni minime, i costi diventano vertiginosi, impattando sul bilancio per molti anni a venire. Diventa dunque fondamentale definire coperture verosimili sullo stesso orizzonte temporale.

Insomma, a sentire i programmi si prospettano tempi d’oro per i pensionati italiani, che sembrano essere in cima alle priorità delle opposizioni. Intanto, i giovani, aspettando proposte che li riguardino, invecchiano.

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Strumenti per mettere un freno ai contratti a termine*

Successivo

Il Punto

  1. Paolo Palazzi

    I pensionati sono coloro che già sono in pensione. Quindi il discorso vale per il futuri pensionati, cioè per tutti coloro che non sono già pensionati.
    Quindi le proposte di cambiamento delle regole per il pensionamento andrebbero valutate nei loro effetti su tutta la popolazione non pensionata secondo parametri complessi, età anagrafica, età lavorativa, sesso, tipo di occupazione, ecc.
    Cosa che non mi sembra faccia neppuer l’Inps

  2. aria adele rossetti

    vorrei solo che tutte le pensioni venissero calcolate con il contributivo

  3. Luca

    Solo due piccole osservazioni. La riforma colpisce di più chi è meno vecchio, anche se i giovani sono più lontani dalla pensione, sono quelli che saranno più danneggiati. Probabilmente rimediare ad alcune iniquità (pensioni d’oro per esempio) non avrebbe grandi conseguenze economiche, ma renderebbe un po’ più accettabili le perdite che le ultime riforme hanno inflitto ai cittadini comuni.

  4. Savino

    Il pregiudizio nei confronti dei giovani in Italia è impressionante e avrà effetti devastanti per l’economia e la società.
    Non è più un problema di politica, ma è una questione di mentalità arretrata imputabile agli italiani di una certa età che, anche e sopratutto se benestanti, si ostinano a voler continuare a tenere le redini in mano del portafogliio familiare. L’altro giorno discutevo con conoscenti di coppie di neosposi di 40 anni che debbono, in questo periodo, accendere un mutuo casa trentennale. Io chiedevo: ma vi sembra una cosa normale? Occore anche una sostenibilità biologica ed umana di un mutuo casa. Di queste cose le gemerazioni precedenti egoisticamente se ne stanno fregando. I politici semplicemente hanno il sentore dell’aria che tira, ma non possiamo dare loro tutta la responsabilità. E’ la gente tenuta ad essere responsabile, a dover capire che le scelte che stiamo per fare sono di medio e lungo raggio.

  5. Ross

    Caro Simone Ferro,
    le sottopongo una proposta di riforma alla quale lei – che dispone dei dati necessari – potrebbe associare delle cifre per valutarne le conseguenze economico-finanziarie.
    La mai proposta va nella direzione dell’equità e prevede che le pensioni vadano calcolate con il metodo contributivo per tutti. Per tutti significa anche per coloro che sono già in pensione. L’unica eccezione la farei per coloro che con il ri-calcolo non raggiungessero il minimo. Ad essi concederei quindi una pensione pari al minimo. In questo modo otterremmo una discreta equità tra tutti, dei forti risparmi di spesa e potremmo quindi ottenere un’età di pensionamento molto più bassa di quella attuale, oltre ad un sistema sostenibile nel tempo. Ovviamente un intervento rivoluzionario come questo non ha alcuna possibilità di essere adottato ma sarebbe quello che più si avvicina all’equità di trattamento tra le varie fasce di età dei lavoratori. Cosa ne pensa?

    • Simone Ferro

      Caro Ross,
      un ricalcolo contributivo immediato e “brutale” comporterebbe sicuramente degli ingenti risparmi e rappresenterebbe una conquista in termini di equità intergenerazionale. Esso comporterebbe tuttavia dei problemi di fattibilità e dei dilemmi morali rilevanti: un pensionato che prende più del dovuto, magari il doppio di quanto spetterebbe da contributivo, non ha nessuna colpa; dimezzargli l’assegno dal giorno alla notte sarebbe infattibile e sbagliato, anche perché magari su quell’assegno ci ha fatto affidamento quando ha programmato i suoi risparmi passati o ci ha fatto affidamento la sua famiglia nel decidere l’istruzione dei figli. La manovra sarebbe ingiustamente punitiva.
      Mi pare invece più praticabile un ricalcolo soft ottenuto tramite blocco dell’adeguamento all’inflazione fino a certe soglie di reddito (guardando al reddito del nucleo famigliare, non dell’individuo), ed un ricalcolo totale solo per la parte eccedente queste soglie di garanzia. Questo tipo di ricalcolo avrebbe qualche speranza di passare il vaglio della Corte costituzionale e non comporterebbe tagli troppo drastici. Se interessato può leggere la proposta di Boeri “non per cassa ma per equità”, della quale si è parlato anche su questo sito, che con un ricalcolo a scaglioni riesce a finanziare una pensione minima universale a costo zero. Purtroppo la proposta non è stata presa abbastanza in considerazione.

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén