logo


  1. Henri Schmit Rispondi
    Ottimo lavoro! Ma il dato verificato è di poco conto. Non l'errore che trasforma 2,98 in 1,9, o l'imprecisa definizione del dato stesso, ma l'intenzione evidente di sminuire la gravità della situazione in BPEtruria è da biasimare come un inaccettabile "alternative fact". Più in generale non sono i numeri dei NPL e delle perdite banciarie, ma la loro causa, la spiegazione perché sono tre volte la media eurozona, che conta. Perdite e NPL sproporzionati stanno per arricchimento occulto o comunque immeritato di alcuni, che nessuno tocca, e di cui nessuno parla. E questo il vizio profondo del paese (soprattuto ma non solo del settore bancario - e ben oltre i 4 + MPS + 2 istituti sotto i riflettori), di cui nessuno vuole parlare e che difficilmente emerge dalle statistiche.
    • Michele Rispondi
      Assolutamente d'accordo. Cercare di sminuire quantitativamente il problema relativo a Banca Etruria è l'applicazione di un classico strumento retorico: non avendo argomentazioni solide sul merito si cerca di sminuirne l'importanza cercando nel contempo di distogliere l'attenzione dal vero scandalo che sta tutto e solo nel aver dichiarato comportamenti (nessun interessamento) che poi sono stati smentiti dai fatti
  2. Michele Rispondi
    Solo un'ipotesi: Renzi dice che "le perdite valgono l’1,9 per cento delle PERDITE delle banche popolari". Voi avete sommato gli esercizi di TUTTE le banche, sia quelle in perdita che quelle in attivo, rilevando che il dato finale è in perdita. Mi aspetto che la somma degli esercizi delle sole banche IN PERDITA (e quindi, tecnicamente, la somma delle perdite) risulti in un dato finale ancora maggiore (in termini assoluti), che potrebbe portare a un dato in percentuale più vicino a quello dichiarato. Oppure sbaglio qualcosa io nell'interpretazione della dichiarazione di Renzi o nella metodologia che avete applicato?
    • Lorenzo Borga Rispondi
      Gentile Michele, esatto. Prendendo in considerazione solo le banche popolari in perdita il denominatore del rapporto diviene più grande e quindi la percentuale si assottiglia. In ogni caso, al di fuori della seconda ipotesi in cui abbiamo specificato, si tratta di percentuali che non sono vicine all'1,9%.
      • Simone Rispondi
        In questo caso, quale sarebbe la percentuale? Grazie
        • Lorenzo Borga Rispondi
          Per i bilanci consolidati 2015 le perdite di Etruria sulle perdite lorde del settore sono il 24%; sui bilanci consolidati 2014 circa il 2,6%. Per i bilanci consolidati 2015 non esiste il bilancio consolidato di vecchia Banca Etruria, per i bilanci singoli 2014 non sono a disposizione dati sui bilanci del settore.