logo


  1. Giuseppe Passoni Rispondi
    Ringrazio per la risposta. Mi riferivo all'incertezza nella sua accezione piu' estesa ovvero incertezza epistemica (sul metodo) e l'incertezza associata alla aleatorieta' di variabili/parametri di input. Pur tuttavia, esistono strumenti formali per trattare l'insieme dei due tipi di incertezza al fine di giungere alle variabili in output correttamente rappresentate in termini di distribuzioni di probabilita'. Diversamente le stime, e quindi le conclusioni che da queste se ne traggono, sono facilmente confutabili. cordialita', giuseppe passoni
  2. Giuseppe Passoni Rispondi
    Le analisi condotte dagli autori si fondano su analisi costi-benefici di tipo deterministico a dispetto della aleatorieta' dei dati e dei parametri dai quali le analisi dipendono.Sarebbe opportuno ripetere i calcoli con una appropriata modellazione stocastica per poter trarre delle conlusioni statisticamente attendibili.
    • Paolo Beria Rispondi
      Buongiorno. In generale sono d'accordo: è buona pratica corredare le ACB con analisi di rischio per le variabili più aleatorie (tipicamente costi di investimento e previsioni di domanda). In questo caso, però, noi non siamo gli autori delle analisi citate e, anzi, ne lamentiamo la mancanza di chiarezza e riproducibilità. Potrei dire che, prima del problema dell'incertezza, qui sembra esserci un problema addirittura sui singoli input utilizzati (oltre che sulla metodologia).