logo


  1. ALBERTO LANZA Rispondi
    Una fotografia finalmente oggettiva dello stato dell'arte che rende, in qualche modo, giustizia anche al tanto vituperato attore pubblico. Il dlgs 150/2015 va nella giusta direzione ma senza che quell'investimento in "infrastrutture e personale", richiamato dagli autori, rischia di rimanere un ottimo proclama.
  2. Alessandra Gallo Rispondi
    Ps ho parlato di selezione perché è una risposta che varia in base al profilo della persona che si presenta in AxL. Al Centro Impiego queste risposte "non esistono".
  3. Alessandra Gallo Rispondi
    Post utile, è vero. Bisogna andare oltre però. In quanto Orientatrice di un CPI so di AxL (info ricevuta da utenti) che rifiutano persone che devono sottoscrivere il PIP (dlgs 150)....è una forma di selezione, questa. Motivazione: non ce la facciamo. A Febbraio alcune AxL dichiaravano di non saper nulla della riforma. La collaborazione pubblico - privato francamente la vedo lontana, molto lontana. E il peso del lavoro sul pubblico è molto consistente, in termini quantitativi e qualitativi. E il personale è scarso. Alessandra Gallo
  4. Sergio Bevilacqua Rispondi
    Utilissimo post che aiuta concretamente dal punto di vista della conoscenza. C'è molto bisogno di questi contributi per contenere e depotenziare approcci "ideologici" che aprioristicamente definiscono se è meglio il pubblico o il privato. Questo post fornisce un ampio quadro informativo che dimostra la complessità del tema.