logo


  1. maria laura ruiz Rispondi
    se i lavoratori aumentano ed il prodotto no, possiamo escludere che si tratti di lavoratori emersi dal nero, e quindi producono come prima?
  2. Michele Rispondi
    Gli effetti reali del jobact sono 3: 1) boom dei voucher = precariato massimo 2) regalo alle imprese di18-20 mld in cambio di pochissima occupazione aggiuntiva (che ci sarebbe stata in ogni caso) 3) tendenziale ulteriore precarizzazione del lavoro (con il finto contratto a tempo indeterminato) e tendenziale ulteriore riduzione di stpendi e salari. In sintesi: una netta redistribuzione di risorse dal lavoro al capitale
  3. Claudio Treves Rispondi
    E se la scarsa produttività fosse una conseguenza di 15 anni di riforme che hanno reso più conveniente per e imprese assumere in condizioni di precariato anziché investire in innovazione? E se quindi il Jobs Act anziché un passo nella direzione giusta fosse un'ulteriore passo nella direzione sbagliata? Cordialmente Claudio Treves, NIdiL-Cgil
    • Andrea Rispondi
      Articolo molto interessante se dal Jobs Act arrivano segnali positivi ritengo che l'unico modo per far si che nel lungo periodo la crescita sia positiva dovrà essere agire sulla tassazione sulla flessibilità del mercato del lavoro e sulla corruzione. Sono da un anno Irlanda dove a mio parere nessuno parla di Precariato ma la loro flessibilità del mercato del lavoro e in generale della loro economia fa si che a mio parere che si creano molti più posti di lavoro che in Italia e con un maggiore stipendio e ci sia un perdita massiccia di capitale umano dal nostro paese. Questa è la mia opinione non sostenuta da dati ma vorrei Gentilmente capire perchè non è possibile imitare modelli che a mio modesto parere stanno funzionando ?. Andrea Argento Dott.re in Scienze Economiche.
    • Pier Rispondi
      Elementare caro Watson, elementare !!!
    • Mario Rossi Rispondi
      Guarda che in Italia è tutto fermo perchè non ci sono più certezze di nessun genere. Nessun sano di mente si metterebbe a lavorare in Italia. Per fare cosa?