Lavoce.info

Regioni difficili per le donne

Schermata 2016-05-24 alle 20.42.06

Il grafico mostra la presenza di correlazione negativa tra differenziale occupazionale di genere, ossia la percentuale degli occupati maschi sul totale della popolazione maschile meno la stessa percentuale per la popolazione femminile, e spesa pubblica pro-capite per interventi e servizi sociali rivolti a famiglia e minori (tra i quali, ad esempio, gli asili nido nelle regioni italiane). I dati indicano che le donne lavorano meno degli uomini nelle regioni nelle quali il livello di spesa è minore.

(Elaborazione a cura de lavoce.info su dati Istat 2012)

Lavoce è di tutti: sostienila!

Lavoce.info non ospita pubblicità e, a differenza di molte altre testate, l’accesso ai nostri articoli è completamente gratuito. L’impegno dei redattori è volontario, ma le donazioni sono fondamentali per sostenere i costi del nostro sito. Il tuo contributo rafforzerebbe la nostra indipendenza e ci aiuterebbe a migliorare la nostra offerta di informazione libera, professionale e gratuita. Grazie del tuo aiuto!

Precedente

Il Punto

Successivo

Agenda fitta per la ministra alle Pari opportunità

  1. Mi pare si possa anche dire che regioni che si trovino molto sopra la retta rossa di regressione (Lazio, Puglia e Sicilia) hanno una spesa, piccola o grande che sia, molto inefficiente. Sarà per caso un problema (anche) di corruzione?)

Lascia un commento

Non vengono pubblicati i commenti che contengono volgarità, termini offensivi, espressioni diffamatorie, espressioni razziste, sessiste, omofobiche o violente. Non vengono pubblicati gli indirizzi web inseriti a scopo promozionale. Invitiamo inoltre i lettori a firmare i propri commenti con nome e cognome.

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén